musicamag.com
Banner
Banner
Banner

Editoriale

CAMORRA SOUND

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDF | Stampa | E-mail

Nell’universo artistico (e, nello specifico, in quello musicale) di una città (Napoli) che “vive del proprio racconto”, esiste da oltre quarant’anni una sorta di amnesia collettiva nei confronti delle tematiche legate alla camorra, se non addirittura, nella sceneggiata e in alcune frange del variegato e variopinto fenomeno neomelodico, un’atteggiamento apologetico. Ritroviamo questa dimensione in un insolito libro ("Camorra sound" edizioni Magenes) di recente pubblicazione, scritto da Daniele Sanzone, voce e anima degli ‘A67, il quale indaga in profondità le ragioni alla base di questo fenomeno avvalendosi della sua solida competenza e delle testimonianze dei protagonisti. Introdotto da un’acuta contestualizzazione dello storico Marcello Ravveduto, il saggio di Sanzone passa in rassegna senza concessioni, con visione d’insieme lucida e stile agile, la storia della musica napoletana dal folk alla sceneggiata, dal Neapolitan Power alla Vesuwave, passando per i neomelodici, interconnettendola alle modificazioni profonde che nel frattempo sono intervenute nel tessuto sociale e culturale di Napoli e delle sue periferie e nell’organizzazione stessa del Sistema. Se infatti negli Anni Settanta la camorra “non è percepita come un problema prioritario, ma legato e subordinato al malessere sociale e all’assenza dello Stato”, negli Anni Ottanta le cose cambiano radicalmente con il narcotraffico e l’escalation di violenza della NCO (Nuova Camorra Organizzata) di Raffaele Cutolo. Ciononostante, paradossalmente, il più illuminato e disarmante affresco dello stato delle cose non verrà dalla penna di un artista napoletano, ma da quella del mai abbastanza compianto Fabrizio De André. Si tratta di un libro interessantissimo e, come raramente accade nell’editoria legata al mondo musicale, indispensabile per capire ed approfondire i tanti aspetti di un disagio (ma sarebbe più giusto parlare di un cancro sociale) contestualizzato nell'essenza stessa di una città e di ciò che in essa si muove.

Alessandro Hellmann

 
Filtro titolo     Mostra # 
# Titolo articolo Autore Visite
1 SE ET SI DA' ALLA MUSICA... Giorgio Pezzana 18
2 EDEA E JUSTINE: "UNARMED" Administrator 6
3 UNA E....TANTI ALTRI Administrator 16
4 IL COMPUTER ODIATO DA GILL Administrator 13
5 "DISTANZA GELIDA" IN RIVA AL LAGO Administrator 30
6 JANOVITZ FEAT. ERA CHIARO NELLO SPAZIO Administrator 27
7 LUCA BRETTA, SARA' TORMENTONE? Administrator 21
8 "IUS MUSIC" DI AMIR ISSAA Administrator 26
9 A PIOTTA PIACCIONO TONDE Administrator 32
10 "JE T'AIME..." RIEMERGE DAL...1969 Administrator 50
11 VILLMORA, TROVATELE DEGLI AUTORI! Giorgio Pezzana 68
12 LE ATMOSFERE DI SESENNA Maurizia Vaglio 76
13 ALICELAND, PENSIERI SENZA APPRODO Giorgio Pezzana 73
14 Ariadineve…"Senza riparo" Administrator 105
15 Trava, dopo l'album…il nuovo video Administrator 132
16 Lamoredentro cantato da Rosybyndy Administrator 98
17 I Tuamadre, un viaggio iniziato cinque anni fa Enrica Ferrari 400
18 Moody, il terzo singolo Administrator 100
19 Shani Ormiston, miglior brano pop a Hollywood Administrator 87
20 "Isdiri Misti Sini"…che? Administrator 237
 
InizioPrec.123Succ.Fine
Pagina 1 di 3

Visite

Tot. visite contenuti : 176823

Chi è online

 26 visitatori online

Login



Con la registrazione ci si iscrive automaticamente alla news letter di "un'altra Music@"