musicamag.com

ATTENZIONE: per recensioni di album o EP occorre il supporto fisico da inviare al seguente indirizzo:

Associazione Artistica AnniVerdi - Rivista "Un'Altra Music@" - Via del Carmine, 5 - 13878 Candelo( Bi)

Per i soli annunci di EP, singoli e videoclip, non viene richiesto il supporto fisico.

Editoriale

TUTTI SCRIVONO TUTTI CANTANO POCHI VENDONO

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDF | Stampa | E-mail

Se volessimo pensare che il massimo della democrazia è quella situazione nell’ambito della quale tutti possono fare tutto, potremmo dire che mai come oggi siamo al cospetto di un sistema democratico sfrenato e senza limiti. Ma un sistema democratico così estremo potrebbe rivelarsi un sintomo positivo solo in presenza di livelli qualitativi mediamente accettabili. Diversamente è il caos. A questo stavo pensando pochi giorni or sono, leggendo il titolo di un quotidiano che esortava gli editori a darsi una calmata, visto che in Italia vengono pubblicati circa 70mila libri ogni anno.  Trasferendo questa constatazione dal mondo dell’editoria a quello discografico, potremmo trovarci al cospetto di un dato ancora più vistoso. E molto simili temo siano i dati che riferiscono dell’impatto sul mercato di queste esuberanti produzioni. Il dato statistico riferito è infatti piuttosto desolante. Risulta che “la vendita media per titolo è di 160 copie, dunque il 90 per cento degli autori riesce a piazzare meno di cinque copie, dimostrando con ciò che neppure i parenti più stretti, l’amante, l’ex compagno di banco alle medie, fanno lo sforzo di acquistarlo”. Non va molto meglio per le produzioni discografiche, visto che per vendere qualche cd moltissimi artisti (e tra loro anche molti nomi di prestigio) non esitano a disporre banchetti all’ingresso dei locali ove si esibiscono. Tutto ciò induce a pensare che la crisi del sistema editoriale e di quello discografico possano essere sicuramente riconducibli ad una crisi più ampia e diffusa, ma forse, nel caso specifico, anche e forse soprattutto, ad un eccesso di produzione che va a saturare i mercati con lavori spesso assolutamente rinunciabili. Ma come si è arrivati a questo? Indubbiamente le nuove tecnologie hanno avuto un ruolo decisivo. Tempo fa la stampa di un libro comportava disponibilità di attrezzature e spazi complessi e costosi. Altrettanto dicasi per gli studi di registrazione dai quali partiva il processo di lavorazione che si concludeva con la stampa di vinili e musicassette. Tutto ciò andava inesorabilmente ad incidere sui costi e arrivare a pubblicare un libro o a incidere un disco voleva dire investire cifre importanti per la realizzazione prima e per la promozione poi. Le nuove tecnologie ed il sistema digitale hanno invece via via condotto a sistemi di lavorazione sempre più rapidi e, soprattutto, sempre più alla portata di tutte le tasche. Il che ha portato ad una rapidissima crescita del sistema di autoproduzione. Vale a dire che non è più indispensabile la figura di un editore o di un discografico che, oltre ad investire denaro, avevano in passato (quelli seri!) anche un ruolo di selezione delle produzioni. E chi non accettava di essere “scartato”, se ad ogni costo voleva stampare un libro o incidere un disco, sapeva di andare incontro a spese importanti. Non è più così. E per questo siamo soffocati da libri scritti in italiano balbettante, spesso autoreferenziali e frequentemente noiosi. Ed anche siamo travolti da eserciti di musicisti e cantanti che nella migliore delle ipotesi mancano di originalità, sono in debito di idee e non hanno anima. Ecco dunque perché, questo democraticissimo momento di accessibilità per tutti su tutto, alla fine si rivela un boomerang che neppure troppo paradossalmente, in pochi anni, ha quasi azzerato le eccellenze e moltiplicato le illusioni (e le successive delusioni). Non che manchino i talenti veri, sia in ambito editoriale sia in quello musicale. Ma spesso vengono soffocati dalle iperproduzioni che distraggono le letture e gli ascolti e confondono le idee. Se a ciò aggiungiamo che nel nostro Paese la lettura non è propriamente vissuta come una priorità e la musica fa spesso da sottofondo, più o meno fragoroso, ad altre attività, a fare la differenza è, ancora troppo spesso, la televisione. Ciò che passa in tv con una certa insistenza più facilmente diviene un prodotto commercialmente fruibile, anche se ormai sempre più spesso per periodi brevi. Lo scrittore-mito o, più facilmente, il cantante-divo non esistono più. Anche questo, probabilmente, è molto democratico.

Giorgio Pezzana

 
Home Archivio editoriali

Un anno fa è uscito il mio album “Il profumo di un’era”. E a distanza di un anno, tratto da quello, ho pubblicato un nuovo singolo. E qualcuno si è sorpreso. Ma come? Dopo un anno dall’uscita dell’album, ancora un singolo tratto dallo stesso cd? Ebbene si, perché, io credo, ci stiamo sempre più pericolosamente allontanando dal concetto di musica intesa come arte. La musica è sempre più considerata un prodotto, una merce. Qualcuno dirà, è ovvio. Per  niente! Può essere ovvio se parliamo di musica prodotta dalle major discografiche, le quali hanno un determinato budget a disposizione, tempi limitati di produzione (e questo perché nel mercato si corre), e tempi limitati di promozione. E badate bene: la loro promozione è breve perché passa da canali ufficiali nazionali radio, tv e stampa. Dopo pochi mesi (che nel loro caso bastano perché certa musica è trasmessa per contratti editoriali nelle radio cento volte al giorno fino a lobotomizzare l'ascoltatore), avanti il prossimo, non si può perdere tempo, l'obiettivo è fatturare. Ci sta, sono delle industrie. E fortunatamente, ogni tanto, ogni mezzo secolo, esce anche qualcosa di buono. Ma le cose cambiano se prendiamo il mondo dell'autoproduzione. Chi si autoproduce innanzitutto non ha un breve periodo di “gestazione”, perché (al di là del budget), deve pensare da solo  a mille cose. Non ci sono art director, non ci sono segretarie, non c'è il tour manager, non c'è insomma la pappa pronta. Un artista che si autoproduce (e lo fa seriamente) ha da dire cose ben chiare, non pensa a cosa possa essere più accattivante sul mercato. Non ne ha bisogno, perché sa a priori che non raggiungerà le vette delle classifiche nazionali. Sceglie la libertà espressiva in tutto e per tutto. Ha solo l'esigenza di mettere a fuoco quello che ha dentro e comunicare. Un artista indipendente pensa alla sua arte, al suo messaggio; scrive, riscrive, fottendosene del giudizio altrui. Io per due anni (e non solo io) mi sono dedicata alla stesura del mio lavoro, ho viaggiato tra Toscana e Lombardia, ho pianto, ho riso, ho studiato, ho anche ascoltato musica lontana dai miei gusti per capire, approfondire, scoprire. È come avessi fatto una sorta di seduta psichiatrica. Dopo la fase di composizione durata un anno e mezzo ho trascorso la fase di produzione/arrangiamenti. Facendo un lavoro certosino insieme a Giovanni Rosina, per trovare la massima espressività di tutte le mie canzoni anche a livello sonoro. E poi... pensa alla grafica, ai video, alle stampe, all'organizzazione dei tuoi live, del tour ecc...Con queste premesse dunque, che io senta l'esigenza di promuovere ancora a lungo il mio album credo sia lecito e naturale. Non ho canali radio nazionali a disposizione, non ho le porte degli studi televisivi aperte, non ho la stampa nazionale ai miei piedi, non riesco quindi in tre mesi a diffondere rapidamente il mio lavoro. E non sono un'artista di fama, il che significa che il mio album non potrà raggiungere un gran numero di ascoltatori in pochi mesi o settimane. Ho bisogno di tempo, perché me la devo cavare con tutti gli strumenti alternativi che possono avere a disposizione per gli artisti di nicchia. Insomma, non promuovo il mio disco per smania di successo o per raggiungere chissà quali fatturati di vendita. E trovo un po' strano che anche nel sottobosco musicale ci siano ancora persone che ragionino in modo “mainstream”. La musica per me non è un supermercato. Sul mio album c'è una data di pubblicazione, ma non c'è una data di scadenza. Le date di scadenze le lascio sui farmaci o sugli alimenti. Fin quando sentirò la necessità di dar voce a questo disco lo farò. Nel momento in cui riterrò che è stato ascoltato e conosciuto in maniera soddisfacente, pubblicherò cose nuove (alle quali lavoro tutti i giorni). Perché dovrei impormi i paletti di un mercato discografico del quale non faccio parte? Nonostante io possa avere alle spalle un percorso di anni e anni e un mio pubblico, per chi non mi conosce rappresenterò sempre una nuova realtà. Ogni giorno mi auguro che si possa tornare presto a godere della musica e della sua essenza, tralasciando pregiudizi, regole e obblighi che nell'arte in generale non dovrebbero esistere. Siamo nell'era del fast food, è vero. ma personalmente preferisco il comodo ed elegante servizio al tavolo, anche se magari più lento.

Amelie

Alessia Arena è una cantattrice diplomatasi in canto lirico presso il Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze. Si è quindi specializzata in musica barocca collaborando con grandi interpreti. Siciliana di origini, toscana d’adozione, opera anche in ambito teatrale. Da alcuni anni si dedica alla musica cantautoriale e lo scorso anno ha pubblicato il cd “A piedi nudi”, omaggio a Rosa Balistreri e alla musica popolare siciliana. Premio Rivelazione 2014 al Festival “Sete Sois Sete Luas”. Lo scorso ottobre ha portato al successo al 17° Biella Festival, ottenendo il premio “Gozzano” di Terzo/Acqui Terme per il miglior testo tra quelli dei 12 finalisti, il brano “La sfinge alla stazione”, scritto da Alessandro Hellmann (musica di Michele Amadori).

 

Non sono poi così lontani i tempi in cui la musica era “fatta in casa” e le nostre cantine degli anni '60 erano animate fino a notte fonda da giovani musicisti dilettanti, un po' proprio come nel '600, con la sola differenza che all'epoca le cantine erano ricchi salotti, i giovani musicisti dal capello lungo erano signorilmente ben imparruccati, e la musica non era, forse?, propriamente rock. Ma in fondo chi non sentendo il celebre basso di passacaglia, “La follia di Spagna”, proposto da Vivaldi o una ciaccona potrebbe direi che non è rock? Lo stesso Pete Townshend, leader degli Who, nota band rock londinese degli anni sessanta, sentendo la ciaccona tratta da “The Gordian Knot Untied" di H. Purcell, noto compositore inglese del '600, ne rimase tanto folgorato da ispirarsi alla sua scrittura musicale in molti dei suoi brani, come nell'intro di "Pinball Wizard" inserito nell'album Tommy (1969). Negli stessi anni anche gli Jethro Tull non poterono resistere alla tentazione di rielaborare in chiave moderna un brano di uno dei piu' noti compositori di epoca barocca, J.S. Bach, una Bourrée tratta dal quinto movimento della suite in mi minore per liuto (BWV 996), ed a questo punto non stupiamoci poi se persino i Genesis sentirono il bisogno di inserire nel loro album Foxtrot “Horizons", una rivisitazione della suite n.1 per violoncello solo di Bach. Tre secoli di distanza e non sentirli, parola dei veri rock men! Nell'epoca barocca, in cui soffiava il vento di fermento culturale sospinto dalla diffusione della carta stampata e dalla consapevolezza che la musica era una arte formativa, una scienza da studiare e di cui dilettarsi insieme, non vi erano certamente batterie e chitarre elettriche da suonare, ma i pizzichi del clavicembalo, i suoni delle viole da gamba, dei liuti e delle tiorbe, il cui sapore, a distanza di quasi tre secoli, è riuscito ad incantare il nostro miglior cantautoriato italiano. Proprio De André, negli anni '60, volle un clavicembalo per incidere la sua  “Il re fa rullare i tamburi”, rielaborazione di un brano di musica antica francese di dubbia origine, per non parlare del “menestrello” Branduardi che, dal 1996  e senza sosta fino ad oggi, ci ha fatto immergere con il suo progetto Futuro Antico in una riproposizione della musica medioevale-rinascimentale che ci potrebbe apparire lontana, ma che in fondo, come ci fa capire il menestrello, lontana non è.  Infine la stessa filosofia musicale di Franco Battiato è attraversata con sapienza da numerosi riferimenti, piu' o meno latenti, alla musica antica ed alle sue figure stilistiche, fino ad arrivare a “Passacaglia”, brano inserito in uno dei suoi ultimi lavori, Apriti sesamo (2012), che è una splendida rivisitazione della “Passacaglia della vita” di Stefano Landi (1587-1639). E' indubbio che il '600 fu uno straordinario secolo di produzione musicale, secolo in cui non vi erano radio, wi-fi e chissà quale altra diavoleria tecnologica, la musica si diffondeva così, nel suo essere “suonata insieme” in bei salotti da musicisti spesso dilettanti, che poi tanto dilettanti alla fine non erano e nulla avevano da invidiare ai professionisti di allora. Ma in fondo, se ci pensiamo bene, negli anni '60 e '70 dalle nostre cantine quanti talentuosi musicisti sono passati? Non tutti sono poi divenuti famosi rock man, ma non per questo non erano certamente sapienti musicisti. La storia dunque si ripete, e tre secoli di storia accorciano così le loro distanze; per cui quando accendiamo la radio drizziamo le orecchie!, perché forse, senza saperlo, stiamo ascoltando musica antica, che poi tanto antica non è.

Alessia Arena

Marzia Stano, in arte “Una”, è stata tra i 12 finalisti di “Sanremo Giovani 2016”. Vale a dire ad un passo dal palcoscenico della prestigiosa e sempre molto discussa, ancorchè  storica, rassegna della canzone italiana. Ma su quel palcoscenico non si esibirà, non ce l’ha fatta per un soffio, direbbe qualche commentatore sportivo. Dopo questa esperienza, le abbiamo chiesto un’impressione “a caldo” e Marzia, come di consueto, ha risposto con grande lucidità.

 

Non ho mai fatto musica per assecondare i gusti e le opinioni della gente, non comincerò di certo  a farlo ora. Così come per anni non mi sono mai interessati i consigli di chi mi sollecitava a percorrere un certo percorso mediatico, allo stesso modo oggi non mi interessa chi può aver pensato sia uno sbaglio averlo intrapreso. La corazza di una gavetta di 10 anni intensi di musica live, dischi autoprodotti, collaborazioni e grandi festival nazionali ed internazionali, mi rendono quella che sono e che sarò sempre, soprattutto se circondata dalla cornicetta di un tubo catodico. La mia scrittura è caratterizzata da contenuti che esisteranno sempre a prescindere dal contenitore. E di questo per fortuna se ne sono accorti tutti. Sanremo Giovani per me è stata un’esperienza meravigliosa e triste allo stesso tempo. Meravigliosa perché è stato bello vedere l’eccitazione della gente intorno, di chi mi segue da sempre e di chi si è affezionato di recente, è stato divertente scegliere i vestiti, fare le prove, cantare difronte a cinque persone che ho sempre e solo visto in tv, conoscere i vissuti degli altri ragazzi e ragazze che condividevano la mia stessa passione ma che hanno avuto percorsi e storie completamente diverse dalla mia, E’ stato bello restare di notte sveglia a pensare a cosa poteva cambiare, succedere, migliorare, discutere con l’etichetta i passi giusti da fare, osservare ogni piccolo dettaglio, conoscere gente che ha lavorato con i grandi della musica italiana come Dalla, Battisti, Patty Pravo. Meravigliosa perché con questa esperienza ho regalato dei momenti di gioia alla mia famiglia, concedendogli l’illusione in due minuti e venti secondi di quello che loro definirebbero “successo”. Triste perché ti accorgi che non è tutto vero, che niente accade per caso e tanta gente che vale spesso resta in panchina senza una vera ragione, o per lo meno una ragione che io riesca a comprendere, a spiegare. Triste perché prendi coscienza di come due minuti e venti di diretta Rai contano  in termini di presa sul pubblico, come due anni di concerti in ogni buco di club italiano, come due dischi e duecento recensioni uscite su tutte le testate web e non solo, e ti arrabbi con la gente che dovrebbe uscire di casa a vedere più concerti, con le radio che non offrono spazi, con  le grosse case discografiche che dicono -Brava! Ma che aspettano che tu salga sul carro dei vincenti prima di pensare di investire su di te. Sicuramente posso dirmi felice di aver vissuto tutte queste emozioni, di aver realizzato nuove consapevolezze perché su di me hanno sortito un effetto positivo, stimolando la mia parte più determinata e che ora intende dimostrare che se ci si crede fino in fondo…si può fare, perché arriva sempre il tempo di raccogliere ciò che si è seminato.

Marzia Stano (Una)

"Se tu fossi nato venti anni prima in questo momento staresti firmando un contratto con noi. Mi dispiace, sei troppo elegante per il mercato di oggi, troppo serio per andare in tv e partecipare a qualche Talent. Noi siamo un'azienda, dobbiamo pensare a vendere!"... Con queste parole, il cantautore napoletano Roberto Michelangelo Giordi, afferma di essere stato “liquidato” da una casa discografica alla quale aveva sottoposto la sua produzione artistica. Sono parole pesanti, perchè sottintendono tante cose. “...troppo elegante per il mercato di oggi....” evidentemente il mercato di oggi si ritiene sia fatto perlopiù da artisti o sedicenti tali a dir poco grossolani. “...troppo serio per andare in tv e partecipare a qualche talent...”, vale a dire che, quella dimensione televisiva sarebbe luogo di abituali frequentazioni per cialtroni e millantatori. Il che, a pensarci bene, per innumerevoli ragioni, ha un fondo di verità, anche se le generalizzazioni sono sempre pericolose, ancorche ingiuste. E' comunque un fatto che i talent in questi anni, poco o nulla hanno prodotto in termini di durata e di spessore. E la qualità di quel poco è spesso molto discutibile. Infine, la chiosa di quel discorso gelidamente imbarazzante: “...noi siamo un'azienda, dobbiamo pensare a vendere!...”. Il che, tradotto in termini più immediati, significa che alla casa discografica in questione, la qualità non interessa, ma interessa il mercato. Un ragionamento condivisibile dal punto di vista rigorosamente commerciale, ma non del tutto comprensibile quando il prodotto che si vende non è un'auto o un elettrodomestico, ma dovrebbe essere un'opera d'arte o, comunque, un prodotto dell'ingegno e della creatività e non della scienza e della tecnica. E' naturale che un'azienda non lavori per rimetterci. Ma sino a quando, soprattutto nel mondo della musica e dell'arte, si continueranno a premiare le brutture, rinunciando ad una più attenta ricerca, nel nome del profitto? Di questo passo, si rischia di rimanere avvolti in una spirale senza fine che solo la musica indipendente potrebbe in qualche modo interrompere. Si, la musica indipendente, perchè sulla mia scrivania come su quelle di tanti altri colleghi, ogni giorno “atterrano” cd e progetti musicali tra i quali si celano, neppure troppo raramente, lavori di spessore artistico ragguardevole. Lavori che la stragrande parte della gente non potrà mai ascoltare. Se le famiglie, la scuola, la radio, la televisione o chissà chi altri, non sono in grado di promuovere ciò che di buono si può trovare ancora oggi nella musica, è difficile aspettarselo da parte di chi la musica e gli artisti li usa per camparci. E quindi, se continuerà a mancare il momento educativo, difficilmente potrà prevalere quella vocazione alla bellezza che potrebbe invertire le tendenze di mercato. Neppure in passato quei momenti ci sono mai stati. Ma era una società diversa, che sapeva ancora sognare. E lottare.

Giorgio Pezzana

Meraviglioso... semplicemente meraviglioso...ogni anno quando leggo la fatidica lista dei 60 selezionati a “Sanremo Giovani”, ad ogni nome che scorro, il ghigno di sarcasmo si fa sempre più pronunciato e ormai disarmato. E’ un appuntamento che non posso proprio perdere, e così ancora ogni anno mando quella dannata iscrizione, che poi alla fine..è solo uno scrigno che ancora protegge l'espressione di una bimba ingenua e sognatrice! Questa mattanza dell'indipendenza, della verità, della musica come musica e nient'altro, sta toccando livelli di strage inaudita, un crimine contro l'umanità, la nostra umanità, quella che compra ancora un disco al mercatino delle pulci, quella che si accontenta di un piano scordato alla stazione per sentirsi sul palco più lucente, quella che non vuole vendersi e svendersi per qualche manciata di televoti ai talent, quella che si produce e si realizza da sola con fatiche sovrumane che la metà basterebbe per sentirsi milionari di valori e virtù, quella di chi fa musica come condivisione e non competizione...
Ci state uccidendo! E come marionette ci obbligate nel vostro teatrino illusorio con Mangiafuoco pronto a tirare i fili di quel poco che ci resta...ma non mi avrete mai!!! Non è una polemica e non posso accusare nessuno dei miei colleghi che è su quella lista...è un dato di fatto, così come lo è il loro nome timbrato fino alla morte dal mastodontico talent che li ha vomitati sulla grande piazza ...e di qui non si scappa.. parliamo di statistiche, nemmeno più di canzoni, di qualità, di dischi e arte..ma di numeri… Solo altri 60 numerini usciti dal tritacarne di 15 anni di talent show. Mi dispiace perché pur di tentare l'unica strada che ci fanno credere percorribile, molti hanno venduto l'anima al diavolo... Che possiate bruciare all'inferno, voi grandi boss del potere, voi che decidete cosa va di "moda", voi che gonfiate e farcite la televisione come il tacchino del ringraziamento gipsy, voi che dimenticate che la nostra Italia, prima di far finta di essere la grande cugina filoamericana sbiadita esterofila e puttana, aveva una grande identità, la più importante al mondo...perché la storia dell'arte e della musica mondiale l'ha fatta l'Italia. Coglioni! Meraviglioso....semplicemente meraviglioso....

Sara (Sally) Moriconi

Visite

Tot. visite contenuti : 824069

Chi è online

 117 visitatori online

Il Commento

ECCO I MOTIVI DELLE RECENSIONI SENZA FRETTA

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDF | Stampa | E-mail

Qualcuno in questi giorni mi ha chiesto per quale ragione le recensioni degli album su “Un'altra Music@” compaiano sistematicamente a distanza di qualche settimana, se non di qualche mese, dalla loro pubblicazione. Si tratta di una scelta o di un'esigenza dettata dalle ridotte dimensioni della nostra redazione e degli spazi sul magazine? Fermo restando che in redazione siamo in pochissimi e ci siamo imposti di ascoltare sempre tutto ciò che finisce sulle nostre scrivanie (contrariamente a quanto fanno altri che si limitano a fare il copia/incolla di quanto inviano le agenzie di stampa), il che richiede tempo, molto tempo, è anche una scelta dettata da una riflessione più ampia. Da quando le nuove tecnologie hanno di fatto ridotto ai minimi termini il mercato discografico, abbiamo assistito al trionfo dell'usa e getta che tutto divora e tutto azzera. Cosicchè, di un cd uscito oggi, sulle riviste specializzate, si parla nei prossimi cinque giorni, dopodichè cala il silenzio. Tutti ne scrivono insieme e tutti lo fanno subito. In virtù di quella esigenza di “stare sul pezzo” che, se è irrinunciabile qualora ci si occupi di cronaca, non lo è affatto quando ci si occupa di arte in genere (dalla musica al settore editoriale, dall'arte visiva alle programmazioni teatrali). In tal modo, un prodotto che ha richiesto mesi quando non anni di lavoro, “sfiorisce” in pochi giorni soppiantato da altre produzioni, destinate a fare la medesima fine. “Un'altra Music@”, ponendosi in alternativa rispetto alle dilaganti tempistiche dei lanci e della promozione discografica, non intende farsi risucchiare da questo vortice, che sta alla base del mancato consolidamento di tante produzioni discografiche, ma anche della mancata affermazione di artisti ai quali non viene più concesso il tempo di “crescere” e di entrare in sintonia con il pubblico. Il pubblicare una recensione settimane o mesi dopo l'uscita di un album, significa continuare a fare vivere quel prodotto, significa sottoporlo nuovamente all'attenzione di chi legge e di chi ascolta, recuperando le distrazioni di coloro che, fuorviati dalla frenesia delle uscite in tempo reale, si sono forse persi la possibilità di cogliere il senso di una canzone o il percorso artistico di un album. Una rivista che si occupa di musica non ha e non deve avere i tempi della cronaca. Né ha esigenze di primogenitura. Non importa se prima di noi a scrivere di quel cd sono state altre riviste. Importa la professionalità con la quale noi ci accostiamo a quel lavoro, l'attenzione che gli dedichiamo, il rispetto che portiamo a chi ci ha richiesto un parere. Oltre alla già espressa convinzione che non vi sia lavoro musicale o comunque artistico che possa esaurirsi in cinque giorni. Ed a costo di sembrare “passatista” a tale proposito mi piace ricordare che nel tempo dei vinili le canzoni di maggior successo del Festival di Sanremo occupavano le classifiche discografiche sino a maggio, per poi lasciare il posto ai brani di “Un disco per l'estate” che si contendevano i piazzamenti sino a ottobre. Altri tempi, certo. Tempi in cui la musica si ascoltava davvero ed il lavoro di un artista era un progetto al quale veniva concesso il tempo per esplicarsi e svilupparsi. Se ciò non accadeva i fattori avversi erano altri, non certo l'ansia di divorare tutto e subito.

G. Pe.

 

Login



Con la registrazione ci si iscrive automaticamente alla news letter di "un'altra Music@"