musicamag.com
Banner
Banner
Banner

Editoriale

E' FINITA LA FESTA DELLE VACCHE GRASSE

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDF | Stampa | E-mail

“Amici, eroi, raiser, gente da festival! Il Coachellamare (Cellamare Music Festival) rischia di non diventare mai realtà. Certo, il risultato ottenuto fino ad ora è grandioso. Circa 10mila euro raccolti da oltre 500 raiser. Ma non bastano per il progetto ambizioso che abbiamo avuto sempre bene in mente. Se entro sabato non raggiungeremo i 25mila tutti voi riceverete i soldi indietro, in automatico...». Questo è quanto si legge sul sito della manifestazione. E che impone una riflessione. Di questi tempi mettere insieme del denaro è sempre più difficile. I referenti di sempre (Regioni, Province, Comuni...) sono all'asciutto o dicono di esserlo. Banche e Fondazioni bancarie, da alcuni anni stanno costruendo veri e propri percorsi minati sulla modulistica per la richiesta di contributi. Basta una svista, un nonnulla e il contributo salta. Basta non rientrare nei parametri, che spesso sono fumosi e poco esaustivi e si rimane all'asciutto. E poi ci sono quelli che sostengono che le realtà che vogliono dare vita a manifestazioni culturali (sempre che la musica sia ancora considerata un'espressione culturale) dovrebbero pagarsele e con questa convinzione spingono nella direzione della cultura d'impresa. Cioè, partita Iva sempre, rischio totale a carico di chi organizza, contributi zero, sostegno morale poco e svogliato. Ma se la cultura d'impresa ha senso laddove esistono i grandi enti lirici (che fanno acqua da anni e che comunque di contributi ne ricevono) o le grandi stagioni teatrali, assolutamente diverso è il discorso che accompagna le manifestazioni musicali di area indipendente. Qui gli affanni sono molti, le aspettative poche, le certezze nessuna. Si naviga quasi sempre a vista e ultimamente si naviga male. Ma, come sempre, il buon senso dovrebbe essere alla fine patrimonio di tutti. Comprendo gli amici di Cellamare Music Festival che pensano ad una kermesse con 44 band in scena, luci, colori, ricchi premi e cotillon. Però, ragazzi, diamoci una calmata! Per anni sono state allestite manifestazioni, spesso di dubbia utilità, con budget sovradimensionati. Per anni sono state finanziate a piè di lista iniziative che hanno dilapidato somme non necessarie, per ritrovarci ora a casse vuote. Ricominciamo con i piccoli passi, ridimensionando le pretese di tutti. La musica è arte ed anche, per alcuni, lavoro. L'arte va rispettata ed il lavoro va pagato. Però, se non vogliamo andare a fondo del tutto, ridimensioniamo pretese ed aspettative. Un festival, una rassegna musicale, nel mondo degli indipendenti, si possono fare anche con qualche migliaio di euro. Ci si viene incontro, tutti rinunciano a qualcosa, ma alla fine tutti avranno il loro spazio. Il successo non nasce per forza dall'ostentazione di kermesse roboanti, ma soprattutto dalla qualità di ciò che si va a proporre. E la qualità scaturisce dal talento, non dal budget. Vi sono supporti necessari ed irrinunciabili (buoni impianti in scena, un buon ufficio stampa), ma alla fine la differenza la fanno sempre gli artisti e le loro canzoni. Non vale la pena insistere con la presentazione di bilanci improbabili e con la speranza che vengano finanziati, spesso con qualche leggerezza, come avveniva un tempo. Se non è ancora abbastanza chiara l'antifona, qui cercano di chiudere i rubinetti di tutto ciò che non è sopravvivenza. E il tentare di strappare contributi troppo impegnativi, talvolta con il sostegno di appartenenze politiche disinvolte, significa solo soffocare altre iniziative, andando ad impoverire un patrimonio collettivo già molto in sofferenza. Si può fare ancora molto per la musica indipendente, ma con oculatezza, con cautela, con moderazione e, soprattutto, con onestà intellettuale e consapevolezza dei tempi che viviamo. Se non vogliamo arrenderci completamente al perverso sistema dei talent.

Giorgio Pezzana

 
Home Archivio editoriali

“Amici, eroi, raiser, gente da festival! Il Coachellamare (Cellamare Music Festival) rischia di non diventare mai realtà. Certo, il risultato ottenuto fino ad ora è grandioso. Circa 10mila euro raccolti da oltre 500 raiser. Ma non bastano per il progetto ambizioso che abbiamo avuto sempre bene in mente. Se entro sabato non raggiungeremo i 25mila tutti voi riceverete i soldi indietro, in automatico...». Questo è quanto si legge sul sito della manifestazione. E che impone una riflessione. Di questi tempi mettere insieme del denaro è sempre più difficile. I referenti di sempre (Regioni, Province, Comuni...) sono all'asciutto o dicono di esserlo. Banche e Fondazioni bancarie, da alcuni anni stanno costruendo veri e propri percorsi minati sulla modulistica per la richiesta di contributi. Basta una svista, un nonnulla e il contributo salta. Basta non rientrare nei parametri, che spesso sono fumosi e poco esaustivi e si rimane all'asciutto. E poi ci sono quelli che sostengono che le realtà che vogliono dare vita a manifestazioni culturali (sempre che la musica sia ancora considerata un'espressione culturale) dovrebbero pagarsele e con questa convinzione spingono nella direzione della cultura d'impresa. Cioè, partita Iva sempre, rischio totale a carico di chi organizza, contributi zero, sostegno morale poco e svogliato. Ma se la cultura d'impresa ha senso laddove esistono i grandi enti lirici (che fanno acqua da anni e che comunque di contributi ne ricevono) o le grandi stagioni teatrali, assolutamente diverso è il discorso che accompagna le manifestazioni musicali di area indipendente. Qui gli affanni sono molti, le aspettative poche, le certezze nessuna. Si naviga quasi sempre a vista e ultimamente si naviga male. Ma, come sempre, il buon senso dovrebbe essere alla fine patrimonio di tutti. Comprendo gli amici di Cellamare Music Festival che pensano ad una kermesse con 44 band in scena, luci, colori, ricchi premi e cotillon. Però, ragazzi, diamoci una calmata! Per anni sono state allestite manifestazioni, spesso di dubbia utilità, con budget sovradimensionati. Per anni sono state finanziate a piè di lista iniziative che hanno dilapidato somme non necessarie, per ritrovarci ora a casse vuote. Ricominciamo con i piccoli passi, ridimensionando le pretese di tutti. La musica è arte ed anche, per alcuni, lavoro. L'arte va rispettata ed il lavoro va pagato. Però, se non vogliamo andare a fondo del tutto, ridimensioniamo pretese ed aspettative. Un festival, una rassegna musicale, nel mondo degli indipendenti, si possono fare anche con qualche migliaio di euro. Ci si viene incontro, tutti rinunciano a qualcosa, ma alla fine tutti avranno il loro spazio. Il successo non nasce per forza dall'ostentazione di kermesse roboanti, ma soprattutto dalla qualità di ciò che si va a proporre. E la qualità scaturisce dal talento, non dal budget. Vi sono supporti necessari ed irrinunciabili (buoni impianti in scena, un buon ufficio stampa), ma alla fine la differenza la fanno sempre gli artisti e le loro canzoni. Non vale la pena insistere con la presentazione di bilanci improbabili e con la speranza che vengano finanziati, spesso con qualche leggerezza, come avveniva un tempo. Se non è ancora abbastanza chiara l'antifona, qui cercano di chiudere i rubinetti di tutto ciò che non è sopravvivenza. E il tentare di strappare contributi troppo impegnativi, talvolta con il sostegno di appartenenze politiche disinvolte, significa solo soffocare altre iniziative, andando ad impoverire un patrimonio collettivo già molto in sofferenza. Si può fare ancora molto per la musica indipendente, ma con oculatezza, con cautela, con moderazione e, soprattutto, con onestà intellettuale e consapevolezza dei tempi che viviamo. Se non vogliamo arrenderci completamente al perverso sistema dei talent.

Giorgio Pezzana

Siamo una testata online che si occupa di musica indipendente. E non possiamo nascondere che all'ultimo Festival di Sanremo, a causa di un pasticcio tecnico la cui natura non è ancora stata accertata, la rassegna si è giocata la migliore delle otto “nuove proposte” che erano approdate sul palcoscenico dell'Ariston. Stiamo parlando di Miele, la giovane siciliana presentata dall'etichetta indipendente Maciste Dischi, “scippata” della finale dopo che era stato annunciato il suo passaggio alla serata di sabato in diretta. Polemiche, proteste, regolamenti alla mano, deroghe ipotizzate e non concesse. Insomma, alla fine Miele ha dovuto accettare il “risarcimento” di esibirsi come ospite fuori concorso alla serata di sabato. Non male in quanto a visibilità, ma non sapremo mai se, senza quell'intoppo, avrebbe vinto la gara delle “nuove proposte” dando alla sua carriera artistica una svolta diversa. Di una cosa siamo certi, la sua canzone e la sua interpretazione erano una spanna più in alto delle altre sette proposte giovani del festivalone. Detto questo, la vittoria degli Stadio ci sta tutta perchè la loro era semplicemente la canzone migliore e faceva il paio con quella di Patty Pravo, che infatti si è aggiudicata il premio della critica assegnato dalla sala stampa del teatro Ariston, in memoria di Mia Martini. Giusto l'inabissamento al dodicesimo posto di Elio e le Storie Tese perchè se la provocazione, per quanto sciocca e inutile nell'ambito di quella manifestazione alla quale il gruppo stesso deve la sua notorietà, può risultare divertente una tantum, non deve però diventare un pretesto irridente ed irriverente a cadenza quasi annuale nei confronti di una manifestazione che ha conunque 66 anni di storia alle spalle. Un peccato invece il penultimo posto di Dolcenera che si è eibita con grinta e determinazione ed anche per l'ultimo posto di Irene Fornaciari che con la sua “Blu” ha portato al festival un brano indubbiamente difficile, ma intenso e denso di attualità. Capitolo a parte per Clementino e Rocco Hunt. Quest'ultimo c'è stato chi lo avrebbe voluto vincitore. Ora, al di là del momento fortunato del rap, pensare ad una vittoria di Hunt a Sanremo sarebbe come se vent'anni fa qualcuno avesse potuto pensare alla vittoria dei Pitura Freska solo perchè in quel periodo andava di moda lo ska. Un conto è la dimensione radiofonica, con i suoi target ed i propri obiettivi, altro è il Festival di Sanremo che incontra un pubblico assolutamente eterogeneo, che include una fascia non trascurabile di giovani (ma non di giovanissimi) e che si avvale di un sistema di votazione articolato e complesso, evidentemente assai distante dall'immediatezza di quella tipologia di pubblico al quale guardano i rapper. Ultima annotazione, ma non ultima per importanza. Quest'anno il Festival di Sanremo è riuscito (a fatica) a lasciare fuori dall'uscio la politica e gli ascolti sono stati i migliori degli ultimi undici anni. Sarà un caso? Si è ascoltata davvero tanta musica, come non accadeva da tempo e si sono vissuti momenti straordinari, come quello dell'esibizione di Ezio Bosso. Si è visto qualche nastrino colorato, flebile simbolo di una solidarietà neppure da tutti percepita, ma come ha sottolineato Carlo Conti in occasione dell'ultima conferenza stampa, chi in qualche modo ha ostentato quel simbolo lo ha fatto a titolo personale, senza in alcun modo coinvolgere il Festival come tale. Giusto così. Una rassegna musicale, anzi, la più importante rassegna musicale italiana, non può diventare strumento di propaganda. Lo è stato in passato, in più di una circostanza, spesso sull'onda delle spinte di parte della sala stampa, quella parte che le canzoni non le ha mai ascoltate, a meno che non fossero in qualche modo strumentalizzabili per fini ideologici. C'è da sperare che questo vento sia passato e che ogni cosa torni a collocarsi nel proprio giusto alveo. E che la musica non rinunci più a sè stessa, proprio a cominciare da Sanremo.

Giorgio Pezzana

Il Festival di Sanremo ha mille difetti. Li ha da anni, non è una novità. Il primo e forse il più grave, è quello di non riuscire più ad essere rappresentativo di ciò che è o è diventata la musica in Italia. Potrebbe porvi rimedio? Certamente si. Rinunciando però a quei circuiti che sulla musica ci speculano e ci fondano il loro potere. Quindi sbaraccando tutto, compresa la convenzione con il Comune di Sanremo che sulla manifestazione regola i suoi rapporti con albergatori e fiorai della cittadina ligure? Certamente no. Il Festival di Sanremo è un'eccellenza italiana da 66 anni. Prima esportava musica. Ora ne importa forse troppa, anche se quest'anno la presenza di molti artisti italiani tra gli ospiti, fa pensare ad un ravvedimento, che probabilmente la crisi ha reso una necessità più che una scelta. Il Festival di Sanremo è una messa cantata per questo Paese e mi fanno sorridere gli ipocriti, gli snob, gli eccentrici che si aggirano al lavoro e tra gli amici ripetendo “....io il Festival di Sanremo non lo guardo mai...ma per caso mi è capitato di fare zapping e...”. In Italia il Festival di Sanremo lo guardano 11 milioni di spettatori (che salgono ulteriormente nella serata finale), il che rappresenta uno share del 49,7 per cento e, tradotto in dati statistici più leggibili, vuole dire che un italiano su due lo segue. Il vezzo del declamare ad alta voce “io non lo guardo mai”, mi ricorda i tempi in cui c'era chi giurava “...votare la Dc? Io? Mai e poi mai!...”, poi si andava alle urne ed il partito dello scudocrociato prendeva il 38 per cento dei consensi. Quando intrapresi l'avventura di questa rivista, dissi e scrissi che non avremmo parlato del Festival di Sanremo. Fu una stoltaggine perchè il Festival di Sanremo, anche per gli artisti del mondo indipendente, rappresenta una meta, un punto di arrivo, per alcuni un sogno. Non nascondiamocelo. Forse per molti non è amore, ma solo quel mezzo che consentirebbe di raggiungere una vasta notorietà, raccogliendo in tre minuti un pubblico che neppure anni e anni di serate live nei pub di tutt'Italia potrebbero portare. La televisione, lo ricordava simpaticamente anche Enzo Jannacci “...la ga la forsa d'un leun...”. Ed è vero. Anche se poi, senza un percorso artistico illuminato dalla buona sorte (ce ne vuole e ce ne vuole tanta) per un giovane emergente, un'esibizione sotto il fuoco d'artificio dei flash e dei riflettori del teatro Ariston, solo tre giorni dopo potrebbe risultare una sorta di sogno ad occhi aperti sempre più distante dalla realtà. Ma si tratta pur sempre di un'opportunità. E per questo dico che il Festival di Sanremo, per dare voce davvero alle potenzialità musicali italiane, dovrebbe sondare il mondo della musica indipendente, quella vera, non quella che cresce all'ombra delle Accademie o dei Cet e, men che meno, quella che viene alimentata dal mondo di cartone dei talent show. Ci sono rassegne e festival di settore che hanno alle spalle esperienze di decenni, organizzatori di queste manifestazioni che hanno visto passare davanti ai loro occhi talenti veri, chiedendosi perchè mai, quando si arriva alla presentazione dei nomi delle “nuove proposte” del festivalone, quei talenti non ci sono. E spesso al loro posto troneggia incontrastata la mediocrità. Da qui potrebbe iniziare la ricostruzione del festival più amato dagli italiani. Senza rinunciare alla nostra storia ed ai personaggi che l'hanno fatta, perchè certe ironie sugli anni di carriera di Patty Pravo o sull'età pensionabile dei Pooh appartengono al più becero pressapochismo. Quella è gente (oviamente non solo loro) che con le proprie canzoni ha scandito i migliori anni della nostra vita. L'obiettivo semmai dovrebbe essere quello di trovare altre Patty Pravo ed altri Pooh capaci di lasciare un'analoga traccia del loro passaggio tra le generazioni più giovani. Senza dimenticare mai chi questo percorso ha saputo compierlo.

Giorgio Pezzana

Un anno fa è uscito il mio album “Il profumo di un’era”. E a distanza di un anno, tratto da quello, ho pubblicato un nuovo singolo. E qualcuno si è sorpreso. Ma come? Dopo un anno dall’uscita dell’album, ancora un singolo tratto dallo stesso cd? Ebbene si, perché, io credo, ci stiamo sempre più pericolosamente allontanando dal concetto di musica intesa come arte. La musica è sempre più considerata un prodotto, una merce. Qualcuno dirà, è ovvio. Per  niente! Può essere ovvio se parliamo di musica prodotta dalle major discografiche, le quali hanno un determinato budget a disposizione, tempi limitati di produzione (e questo perché nel mercato si corre), e tempi limitati di promozione. E badate bene: la loro promozione è breve perché passa da canali ufficiali nazionali radio, tv e stampa. Dopo pochi mesi (che nel loro caso bastano perché certa musica è trasmessa per contratti editoriali nelle radio cento volte al giorno fino a lobotomizzare l'ascoltatore), avanti il prossimo, non si può perdere tempo, l'obiettivo è fatturare. Ci sta, sono delle industrie. E fortunatamente, ogni tanto, ogni mezzo secolo, esce anche qualcosa di buono. Ma le cose cambiano se prendiamo il mondo dell'autoproduzione. Chi si autoproduce innanzitutto non ha un breve periodo di “gestazione”, perché (al di là del budget), deve pensare da solo  a mille cose. Non ci sono art director, non ci sono segretarie, non c'è il tour manager, non c'è insomma la pappa pronta. Un artista che si autoproduce (e lo fa seriamente) ha da dire cose ben chiare, non pensa a cosa possa essere più accattivante sul mercato. Non ne ha bisogno, perché sa a priori che non raggiungerà le vette delle classifiche nazionali. Sceglie la libertà espressiva in tutto e per tutto. Ha solo l'esigenza di mettere a fuoco quello che ha dentro e comunicare. Un artista indipendente pensa alla sua arte, al suo messaggio; scrive, riscrive, fottendosene del giudizio altrui. Io per due anni (e non solo io) mi sono dedicata alla stesura del mio lavoro, ho viaggiato tra Toscana e Lombardia, ho pianto, ho riso, ho studiato, ho anche ascoltato musica lontana dai miei gusti per capire, approfondire, scoprire. È come avessi fatto una sorta di seduta psichiatrica. Dopo la fase di composizione durata un anno e mezzo ho trascorso la fase di produzione/arrangiamenti. Facendo un lavoro certosino insieme a Giovanni Rosina, per trovare la massima espressività di tutte le mie canzoni anche a livello sonoro. E poi... pensa alla grafica, ai video, alle stampe, all'organizzazione dei tuoi live, del tour ecc...Con queste premesse dunque, che io senta l'esigenza di promuovere ancora a lungo il mio album credo sia lecito e naturale. Non ho canali radio nazionali a disposizione, non ho le porte degli studi televisivi aperte, non ho la stampa nazionale ai miei piedi, non riesco quindi in tre mesi a diffondere rapidamente il mio lavoro. E non sono un'artista di fama, il che significa che il mio album non potrà raggiungere un gran numero di ascoltatori in pochi mesi o settimane. Ho bisogno di tempo, perché me la devo cavare con tutti gli strumenti alternativi che possono avere a disposizione per gli artisti di nicchia. Insomma, non promuovo il mio disco per smania di successo o per raggiungere chissà quali fatturati di vendita. E trovo un po' strano che anche nel sottobosco musicale ci siano ancora persone che ragionino in modo “mainstream”. La musica per me non è un supermercato. Sul mio album c'è una data di pubblicazione, ma non c'è una data di scadenza. Le date di scadenze le lascio sui farmaci o sugli alimenti. Fin quando sentirò la necessità di dar voce a questo disco lo farò. Nel momento in cui riterrò che è stato ascoltato e conosciuto in maniera soddisfacente, pubblicherò cose nuove (alle quali lavoro tutti i giorni). Perché dovrei impormi i paletti di un mercato discografico del quale non faccio parte? Nonostante io possa avere alle spalle un percorso di anni e anni e un mio pubblico, per chi non mi conosce rappresenterò sempre una nuova realtà. Ogni giorno mi auguro che si possa tornare presto a godere della musica e della sua essenza, tralasciando pregiudizi, regole e obblighi che nell'arte in generale non dovrebbero esistere. Siamo nell'era del fast food, è vero. ma personalmente preferisco il comodo ed elegante servizio al tavolo, anche se magari più lento.

Amelie

Alessia Arena è una cantattrice diplomatasi in canto lirico presso il Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze. Si è quindi specializzata in musica barocca collaborando con grandi interpreti. Siciliana di origini, toscana d’adozione, opera anche in ambito teatrale. Da alcuni anni si dedica alla musica cantautoriale e lo scorso anno ha pubblicato il cd “A piedi nudi”, omaggio a Rosa Balistreri e alla musica popolare siciliana. Premio Rivelazione 2014 al Festival “Sete Sois Sete Luas”. Lo scorso ottobre ha portato al successo al 17° Biella Festival, ottenendo il premio “Gozzano” di Terzo/Acqui Terme per il miglior testo tra quelli dei 12 finalisti, il brano “La sfinge alla stazione”, scritto da Alessandro Hellmann (musica di Michele Amadori).

 

Non sono poi così lontani i tempi in cui la musica era “fatta in casa” e le nostre cantine degli anni '60 erano animate fino a notte fonda da giovani musicisti dilettanti, un po' proprio come nel '600, con la sola differenza che all'epoca le cantine erano ricchi salotti, i giovani musicisti dal capello lungo erano signorilmente ben imparruccati, e la musica non era, forse?, propriamente rock. Ma in fondo chi non sentendo il celebre basso di passacaglia, “La follia di Spagna”, proposto da Vivaldi o una ciaccona potrebbe direi che non è rock? Lo stesso Pete Townshend, leader degli Who, nota band rock londinese degli anni sessanta, sentendo la ciaccona tratta da “The Gordian Knot Untied" di H. Purcell, noto compositore inglese del '600, ne rimase tanto folgorato da ispirarsi alla sua scrittura musicale in molti dei suoi brani, come nell'intro di "Pinball Wizard" inserito nell'album Tommy (1969). Negli stessi anni anche gli Jethro Tull non poterono resistere alla tentazione di rielaborare in chiave moderna un brano di uno dei piu' noti compositori di epoca barocca, J.S. Bach, una Bourrée tratta dal quinto movimento della suite in mi minore per liuto (BWV 996), ed a questo punto non stupiamoci poi se persino i Genesis sentirono il bisogno di inserire nel loro album Foxtrot “Horizons", una rivisitazione della suite n.1 per violoncello solo di Bach. Tre secoli di distanza e non sentirli, parola dei veri rock men! Nell'epoca barocca, in cui soffiava il vento di fermento culturale sospinto dalla diffusione della carta stampata e dalla consapevolezza che la musica era una arte formativa, una scienza da studiare e di cui dilettarsi insieme, non vi erano certamente batterie e chitarre elettriche da suonare, ma i pizzichi del clavicembalo, i suoni delle viole da gamba, dei liuti e delle tiorbe, il cui sapore, a distanza di quasi tre secoli, è riuscito ad incantare il nostro miglior cantautoriato italiano. Proprio De André, negli anni '60, volle un clavicembalo per incidere la sua  “Il re fa rullare i tamburi”, rielaborazione di un brano di musica antica francese di dubbia origine, per non parlare del “menestrello” Branduardi che, dal 1996  e senza sosta fino ad oggi, ci ha fatto immergere con il suo progetto Futuro Antico in una riproposizione della musica medioevale-rinascimentale che ci potrebbe apparire lontana, ma che in fondo, come ci fa capire il menestrello, lontana non è.  Infine la stessa filosofia musicale di Franco Battiato è attraversata con sapienza da numerosi riferimenti, piu' o meno latenti, alla musica antica ed alle sue figure stilistiche, fino ad arrivare a “Passacaglia”, brano inserito in uno dei suoi ultimi lavori, Apriti sesamo (2012), che è una splendida rivisitazione della “Passacaglia della vita” di Stefano Landi (1587-1639). E' indubbio che il '600 fu uno straordinario secolo di produzione musicale, secolo in cui non vi erano radio, wi-fi e chissà quale altra diavoleria tecnologica, la musica si diffondeva così, nel suo essere “suonata insieme” in bei salotti da musicisti spesso dilettanti, che poi tanto dilettanti alla fine non erano e nulla avevano da invidiare ai professionisti di allora. Ma in fondo, se ci pensiamo bene, negli anni '60 e '70 dalle nostre cantine quanti talentuosi musicisti sono passati? Non tutti sono poi divenuti famosi rock man, ma non per questo non erano certamente sapienti musicisti. La storia dunque si ripete, e tre secoli di storia accorciano così le loro distanze; per cui quando accendiamo la radio drizziamo le orecchie!, perché forse, senza saperlo, stiamo ascoltando musica antica, che poi tanto antica non è.

Alessia Arena

Visite

Tot. visite contenuti : 363606

Chi è online

 90 visitatori online

Il Commento

LA MEMORIA DELLA FOLLIA: "E TI CHIAMARON MATTA"

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDF | Stampa | E-mail

Una canzone è spesso cadenza musicale di istanti rubati al nostro vivere, ma quando un intero album diviene memoria per il nostro Paese allora è bene soffermarsi su di esso, al di là dei soggettivismi. Molti sono stati i cantautori di denuncia che hanno agitato il nostro Paese, De André, Ferré, tanto per citarne solo alcuni, e che hanno animato palchi di grande prestigio con le loro cronache musicali contemporanee. Giunti oggi in questo XXI secolo, chi mai potremmo riconoscere come nostri “menestrelli” e pittori in musica della società in cui viviamo? Oggi bisogna davvero andarli a scovare un po' come dei Pollicino con le briciole di pane lungo i sentieri di circoli culturali, biblioteche, e persino di ex manicomi, così come è capitato a me. E' proprio lì infatti che ho incontrato Alessio Lega, cantautore leccese trapiantato a Milano, vero “documentarista musicale” della nostra società, che per fede non lascia mai il suo palco senza un mandato di memoria. Il suo E ti chiamaron matta, pubblicato per Nota nel 2008, è certamente un album che non lascia margine a dubbi e si staglia come una operazione di recupero della memoria sulle condizioni esistenziali all'interno degli ospedali psichiatrici negli anni '70, memoria che seppur recente  appare, ahimè, obliata. Il lavoro discografico proposto è la reincisione con scabro e nudo sentire, insieme con Rocco Marchi e la voce di appoggio di Lorenzo Valera, dell'omonimo album di Gianni Nebbiosi uscito nel 1972, prodotto e supportato artisticamente da Giovanna Marini per i Dischi del Sole. La particolarità del lavoro musicale di Nebbiosi, recuperato da Lega, è certamente la compattezza con cui negli anni '70 l'intero album, in soli 18 minuti, sbatteva violentemente alla luce del sole lo status dei manicomi alle porte dell'entrata in vigore della legge Basaglia n.180 del 13 maggio 1978, legge su "Accertamenti e trattamenti sanitari volontari e obbligatori". I testi delle sei canzoni in esso contenute sono taglienti e non lasciano scampo ad equivoci, ancor piu' perché scritte da un professionista del campo come Nebbiosi, oggi noto psichiatra e psicanalista.

E ti chiamaron matta

01 -In un anno e più d'amore
02 - Il numero d'appello
03 - E qualcuno poi disse
04 - Ti ricordi Nina
05 - Ballata dell'alcolizzato
06 - Emigrato su in Germania

La reincisione da parte di Alessio Lega dell'album di Nebbiosi nell'anniversario dei trent'anni della approvazione della Legge Basaglia (2008), non è una semplice rivisitazione dunque, ma un vero passaggio di testimone che ha avuto il carattere dell'urgenza, considerando che l'album dello psichiatra a pochi decenni di distanza dalla sua pubblicazione era già irreperibile e disperso nella memoria . E' dunque questa una operazione di recupero della storia, seppur recente, ispirata ai migliori principi della etnomusicologia del '900 di un Antonino Uccello o di un Alan Lomax. Lega, come uno studioso, raccoglie infatti la testimonianza non del cantautore Nebbiosi, bensì  dell'uomo e dello psichiatra che dentro quelle strutture psichiatriche ha vissuto per un periodo della sua vita, restituendoci poi senza orpelli aggiuntivi e con netto taglio sociale, segno distintivo del cammino dell'artista leccese, la visuale di un operatore del settore. Il cantautore leccese rinvigorisce dunque consapevolmente a distanza di pochi decenni con la sua chitarra, e poco piu', le parole e le immagini regalateci da Nebbiosi anni prima. La parola è dunque guida, racconto, memoria, e la canzone diviene mezzo di diffusione di esperienze, di idee, e di lotta. L'impellenza di questa operazione di recupero nasce dalla constatazione che è necessario tenere un faro accesso nella notte su questioni che ancora oggi prendono forme diverse sotto i nostri occhi con eventi di cronaca che segnano la nostra società, spesso omertosa. E là dove la musica consegna la memoria al XXI secolo, luoghi come l'ex ospedale psichiatrico di Pergine (TR), o l'ex-San Salvi a Firenze divengono oggi spazi per manifestazioni di arte contemporanea perché anche le mura, così come la musica dimenticata di Nebbiosi, non rimangano solo involucro di fantasmi, ma si trasformino in luogo di fermento artistico.

La follia non è forse anche questo?

 

“In un anno e più di fatti
c'è da correr come matti
cambiano in continuazione
prospettive ed occasione
ed è triste dire poi:
«Chi non cambia siamo noi».

In un anno e più di lotte
quante volte ci si fotte
per paura di sbagliare
stiamo sempre ad aspettare
ma non è la perfezione
che concima la invenzione.

(...)”

da: E ti chiamaron matta, G. Nebbiosi - E ti chiamaron matta, Dischi del Sole, 1972.

Alessia Arena

 

Login



Con la registrazione ci si iscrive automaticamente alla news letter di "un'altra Music@"