musicamag.com

ATTENZIONE: per recensioni di album o EP occorre il supporto fisico da inviare al seguente indirizzo:

Associazione Artistica AnniVerdi - Rivista "Un'Altra Music@" - Via del Carmine, 5 - 13878 Candelo( Bi)

Per i soli annunci di EP, singoli e videoclip, non viene richiesto il supporto fisico.

Editoriale

L'INCONSISTENZA DEI PERSONAGGI MADE IN TALENT

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDF | Stampa | E-mail

Quanto rumore. E quanto stupore, per nulla. La cancellazione del concerto di Elodie all'Alcatraz di Milano per “motivi tecnici”, che in realtà sanno lontano un miglio di motivi di opportunità, sta rimbalzando sui social con commenti di ogni tipo. L'unica verità vera è che il mondo della musica è sempre più “drogato” da una terminologia enfatica che non può né mai potrà trasformare in un personaggio di rilievo una nuova proposta ancora tutta da scoprire e da formare. Oggi ogni concerto deve essere un “evento” ed ogni “evento” deve regisrare il “sold out”, cioè il tutto esaurito. I cantanti sconosciuti proposti dai talent in pochi mesi vengono definiti “big”, ovviamente tutti fanno album, che non si vendono e partono per tournèe che quasi sempre si spengono per strada. Come sono lontani i tempi in cui band (che allora si chiamavano complessi) come i Camaleonti o l'Equipe 84, con i loro 45 giri già in classifica, facevano il giro dei dancing su di un coloratissimo furgone Volkswagen ove ci stavano loro ed i loro strumenti. Perchè così si acquisiva popolarità, facendo 200 concerti all'anno nei locali più sperduti del Paese, senza laser e senza talent, affidando la propria professionalità ed il proprio futuro ad una solida gavetta. E la storia ci insegna che spesso neppure questi sacrifici erano garanzia di un successo duraturo. Il termine “sold out” in Italia non lo conosceva nessuno e nei dancing si suonava anche alla domenica pomeriggio, spesso per 200 persone. Ma senza rinvangare situazioni di un passato così lontano e così diverso, occorrerebbe di certo più realismo anche alla luce delle moderne attese e delle più recenti tecnologie. Perchè mai Elodie (e come lei decine di più o meno sconosciuti che hanno calcato per un breve periodo i palcoscenici dei talent) dovrebbe fare il pienone (scusate, “sold out” mi viene difficile anche da scrivere) a tutti i costi, pena la cancellazione del concerto? Chi è Elodie? Che trascorsi in carriera può vantare? L'hanno fatta andare tra i big al festival di Sanremo, è vero. Ma i big sono altra cosa ed il festival di Sanremo era altra cosa finchè era rimasto una rassegna della canzone italiana e non un fatto di costume infarcito di personaggi fasulli sponsorizzati dalla tv e dalle major. Mediamente il biglietto d'ingresso da un concerto oscilla tra i 25 ed i 40 euro. Un album costa tra i 18 ed i 20 euro. Cifre non proprio indifferenti per giovani squattrinati o foraggiati con le paghette di genitori che spesso la crisi economica ha messo in affanno. Cifre che spesso, nel rapporto qualità/prezzo, non valgono la spesa. E non perchè Elodie o le altre decine dei prodotti dei talent siano personaggi qualitativamente sempre scadenti (lo sono in molti, ma non tutti), ma perchè si tratta di personaggi artisticamente immaturi, con un'immagine ancora tutta da definire e, soprattutto, facilissimi da trovare e scaricare su internet. Su questa rivista accade non raramente di recensire i lavori di artisti sconosciuti, ma assolutamente interessanti. Spesso assai più di quelli che partecipano alle passerelle fasulle dei talent. Nella maggior parte dei casi, si tratta di personaggi che non cercano scorciatoie, accettano le dure leggi della gavetta e probabilmente per qualcuno si apriranno le porte di un successo, ma forse ancor più di una professione, più solido e duratoro. Ma nessuno di loro pensa di fare oggi il “sold out” all'Alcatraz di Milano ed ancor meno si sognano di cancellare le tappe nei locali ove portano faticosamente la loro musica, solo perchè non si tratta di “eventi” ma di semplici e comuni serate. Proprio come quelle che nei decenni passati avevano scandito i percorsi di artsti che oggi si chiamano Ligabue, Vasco, Zucchero, Gianna Nannini e via elencando. Tutto ciò significa che i talent non servono a nulla? Si, significa proprio che i talent non servono a nulla.

Giorgio Pezzana

 
Home Archivio editoriali

Quanto rumore. E quanto stupore, per nulla. La cancellazione del concerto di Elodie all'Alcatraz di Milano per “motivi tecnici”, che in realtà sanno lontano un miglio di motivi di opportunità, sta rimbalzando sui social con commenti di ogni tipo. L'unica verità vera è che il mondo della musica è sempre più “drogato” da una terminologia enfatica che non può né mai potrà trasformare in un personaggio di rilievo una nuova proposta ancora tutta da scoprire e da formare. Oggi ogni concerto deve essere un “evento” ed ogni “evento” deve regisrare il “sold out”, cioè il tutto esaurito. I cantanti sconosciuti proposti dai talent in pochi mesi vengono definiti “big”, ovviamente tutti fanno album, che non si vendono e partono per tournèe che quasi sempre si spengono per strada. Come sono lontani i tempi in cui band (che allora si chiamavano complessi) come i Camaleonti o l'Equipe 84, con i loro 45 giri già in classifica, facevano il giro dei dancing su di un coloratissimo furgone Volkswagen ove ci stavano loro ed i loro strumenti. Perchè così si acquisiva popolarità, facendo 200 concerti all'anno nei locali più sperduti del Paese, senza laser e senza talent, affidando la propria professionalità ed il proprio futuro ad una solida gavetta. E la storia ci insegna che spesso neppure questi sacrifici erano garanzia di un successo duraturo. Il termine “sold out” in Italia non lo conosceva nessuno e nei dancing si suonava anche alla domenica pomeriggio, spesso per 200 persone. Ma senza rinvangare situazioni di un passato così lontano e così diverso, occorrerebbe di certo più realismo anche alla luce delle moderne attese e delle più recenti tecnologie. Perchè mai Elodie (e come lei decine di più o meno sconosciuti che hanno calcato per un breve periodo i palcoscenici dei talent) dovrebbe fare il pienone (scusate, “sold out” mi viene difficile anche da scrivere) a tutti i costi, pena la cancellazione del concerto? Chi è Elodie? Che trascorsi in carriera può vantare? L'hanno fatta andare tra i big al festival di Sanremo, è vero. Ma i big sono altra cosa ed il festival di Sanremo era altra cosa finchè era rimasto una rassegna della canzone italiana e non un fatto di costume infarcito di personaggi fasulli sponsorizzati dalla tv e dalle major. Mediamente il biglietto d'ingresso da un concerto oscilla tra i 25 ed i 40 euro. Un album costa tra i 18 ed i 20 euro. Cifre non proprio indifferenti per giovani squattrinati o foraggiati con le paghette di genitori che spesso la crisi economica ha messo in affanno. Cifre che spesso, nel rapporto qualità/prezzo, non valgono la spesa. E non perchè Elodie o le altre decine dei prodotti dei talent siano personaggi qualitativamente sempre scadenti (lo sono in molti, ma non tutti), ma perchè si tratta di personaggi artisticamente immaturi, con un'immagine ancora tutta da definire e, soprattutto, facilissimi da trovare e scaricare su internet. Su questa rivista accade non raramente di recensire i lavori di artisti sconosciuti, ma assolutamente interessanti. Spesso assai più di quelli che partecipano alle passerelle fasulle dei talent. Nella maggior parte dei casi, si tratta di personaggi che non cercano scorciatoie, accettano le dure leggi della gavetta e probabilmente per qualcuno si apriranno le porte di un successo, ma forse ancor più di una professione, più solido e duratoro. Ma nessuno di loro pensa di fare oggi il “sold out” all'Alcatraz di Milano ed ancor meno si sognano di cancellare le tappe nei locali ove portano faticosamente la loro musica, solo perchè non si tratta di “eventi” ma di semplici e comuni serate. Proprio come quelle che nei decenni passati avevano scandito i percorsi di artsti che oggi si chiamano Ligabue, Vasco, Zucchero, Gianna Nannini e via elencando. Tutto ciò significa che i talent non servono a nulla? Si, significa proprio che i talent non servono a nulla.

Giorgio Pezzana

Ritorno sulle dimissioni definitive ed irrevocabili di Enrico De Angelis dalla direzione artistica ed anche dal Consiglio del Club Tenco.Lo faccio perchè le sue argomentazioni mi conducono a quel modo di pensare alla cultura che sta sempre più prendendo piede e che rischia di snaturare il lavoro di quella parte più pulita e trasparente di operatori ed associazioni che alla cultura dedicano attenzioni e lavoro, spesso a titolo gratuito o parzialmente gratuito. Tra le varie osservazioni dell'ex direttore aristico del Club Tenco leggo tra l'altro: “...Personalmente, non mi piace il coinvolgimento di dirigenti del Club in attività lavorative sistematiche e continuative per artisti o organizzazioni musicali che potrebbero avere interessi (economici, artistici, culturali) in contraddizione con il Club, così stabilendo inevitabilmente legami e relazioni con realtà alle quali noi dovremmo restare impermeabili.... cosa mai accaduta in 40 anni di Club Tenco. Il grande intuito originale del Club, lo spirito che l’ha animato dal primo giorno, è stato quello del nobile dilettantismo, della “professionalità” sì, ma non del professionismo....Non condivido nemmeno il continuo tentativo da parte delle istituzioni sanremesi di accomunarci ad altre realtà a noi del tutto estranee dal punto di vista artistico e culturale, da Sanremo Expo al Festival di Sanremo ad Area Sanremo...”. Insomma, De Angelis ha rivendicato uno spirito che pare ormai tramontato. Come hanno rivelato anche i recenti Stati Generali della cultura in Piemonte, ove si è parlato apertamente di cultura “produttiva”, di imprese nella cultura, di una cultura che si vorrebbe trasformare in business, snaturandone le caratteristiche e soprattutto mortificando il lavoro di tante associazioni che hanno fatto del volontariato il loro principale presupposto. Che l'aria tiri in una certa direzione lo si evince anche dalla lettura dei bandi di alcune Fondazioni bancarie, laddove, a fronte di progetti spesso consolidati e di successo, non si richiedono la loro valenza artistica e le caratteristiche dei loro presupposti culturali, bensì la consistenza di eventuali ricadute occupazionali, l'incidenza della presenza di personale “dipendente” impegnato, il numero di ore lavorative e gli interessi passivi determinati da eventuali mutui. Interrogativi che potrebbero riguardare, appunto, un'attività imprenditoriale, certo non quella di associazioni che non disquisiscono d'arte negli studi dei commercialisti. Sollevando per altro forti interrogativi sulla legittimità di elargire fondi ad attività d'impresa che quale priorità hanno i loro bilanci, certo non la divulgazione della cultura ed il bene pubblico. Ecco dunque che bene ha fatto De Angelis ad andarsene da un Club che sembra sempre più destinato a divenire una S. r.l. con tanto di manager incravattati ed immersi in altri business. Ambienti che forse allo stesso Tenco avrebbero fatto un po' schifo.

Giorgio Pezzana

Come stanno andando le canzoni dell'ultima edizione del Festival di Sanremo? C'è chi fa riferimento ai passaggi radiofonici per tentare di individuare se tra tanta mediocrità c'è qualche brano che sappia distinguersi. Ma il metro di misura non è dei più attendibili. E rende poco attendibili anche le classifiche di vendita discografica poiché, è risaputo, la gente risente pesantemente dei condizionamenti che principalmente vengono proprio da radio e tv. Il fatto è però che i “passaggi” radiofonici e televisivi di questo o quel cantante, non sono o sono in minimissima parte frutto di scelte libere e spontanee da parte di dj e conduttori. Scalette ed ospitate sono quasi sempre frutto di trattative economiche tra le emittenti e le case discografiche e queste ultime sanno bene che, spesso, a prescindere dalla qualità, a vendere dischi è chi fa più “passaggi”. Chi viene più visto e più ascoltato. Chi insomma entra più di altri nelle orecchie della gente. Ecco dunque che, ancora una volta, a fare la differenza non è la qualità del prodotto, ma l'investimento di chi produce. E se chi produce ha poco o nulla da investire, pur disponendo di un ottimo prodotto, è destinato a soccombere. I pochi veri big dell'ultima edizione del festivalone, lo erano ancor prima di partecipare alla rassegna. I presunti big invece, hanno pochi mesi a disposizione per sfruttare la visibilità sanremese e per moltissimi di loro, dopo l'estate, sarà l'oblio. Un tempo a supportare i protagonisti di Sanremo veniva “Un disco per l'estate” che consentiva a parecchi di loro un altro bagno di visibilità dopo quella della città dei fiori. Ora sono rimasti i centri commerciali ove anche un settantenne che ha fatto la storia della canzone italiana come Al Bano deve piegarsi alla dura legge dei selfie e dei dischi autografati tra casse di verdura e negozi di bigiotteria. In attesa di tempi migliori. Se verranno.

Giorgio Pezzana

Non si dovrebbe sparare contro il Festival di Sanremo. Cosa che invece puntualmente avverrà. Ma fare pressione affinchè cambi la sua formula e torni ad essere quello che era: una rassegna della canzone italiana, di grande prestigio, ma solo e soltanto quello. Non importa se per farlo potrebbero essere sufficienti un paio di serate televisive, anziché le cinque lunghissime maratone che ci vengono riproposte ogni anno, da troppi anni. Si potrebbero tranquillamente evitare ospiti e superospiti, venditori di libri, di film, di spettacoli teatrali o, semplicemente di loro stessi. E' il festival della canzone italiana e quello dovrebbe essere. Non che negli anni 50, 60 e primissimi 70, quando il festival era solo il festival, non ci fossero pastette. Ci sono sempre state. Per andare a Sanremo si faceva di tutto perchè quella era una delle vetrine più importanti dell'anno. Una delle vetrine, poi c'erano Canzonissima, il Cantagiro, il Disco per l'Estate, la Gondola d'Oro di Venezia e tante altre manifestazioni ora sparite. Oggi c'è Sanremo e null'altro. Un festival che grazie al suo prestigio può spacciare per “big” cantanti di seconda e terza fascia (di prima fascia infatti non ve ne sono) e che sta facendo finalmente la scelta giusta: quella di fare cantare in prima serata le “nuove proposte”, che purtroppo però approdano sulle riviera dei fiori passando tra meandri ed intrecci non sempre chiari, mentre in Italia decine di talenti si spendono ogni sera nei bagordi distratti dei pub. La musica nelle radio ed in televisione è saldamente nelle mani delle multinazionali discografiche che piazzano i loro “cavalli” tra “big” e “nuove proposte”, lanciandoli in folli corse tra talent show ed Ariston, per poi dimenticarli per sempre in scuderia. Non nascono nuove star della canzone. Siamo fermi alla Pausini, a Ramazzotti, a Bocelli...roba ormai di trent'anni fa. Tiziano Ferro e Malika Ayane sono belle realtà, ma non stanno facendo e probabilmente non faranno la storia della nostra canzone. Ed il successo più internazionale che italico dei Volo sta a dimostrare che fuori dai confini nazionali la canzone italiana è ancora quella delle gradi “arie” della musica lirica. Il festivalone quest'anno ricorderà Luigi Tenco, a cinquant'anni da quel tragico Sanremo del 1967 e Claudio Villa, spentosi trent'anni or sono proprio mentre al teatro Ariston era in corso la manifestazione alla quale aveva tante volte preso parte, uscendo vincitore di quattro edizioni. Un talento irrisolto quello di Tenco, un simbolo di un'epoca musicale la voce di Villa. Vedremo che cosa esprimerà in queste cinque serate il Festival che ha raggiunto l'età pensionabile riconosciuta anche dall'Inps. Con la speranza che non sia ancora una volta illusorio per i giovani cantanti in gara ed inutile per quelli che giovani non lo sono più.

Giorgio Pezzana

Luigi Tenco se ne andava, nel bel mezzo di un Festival di Sanremo, esattamente 50 anni fa. Un biglietto ed uno sparo sono rimasti i simboli più rilevanti di quella tragedia. Il biglietto, lasciato dal cantautore, deluso ed avvilito dalla scelta di una giuria che aveva estromesso la sua “Ciao amore, ciao” per fare posto a “La rivoluzione” cantata da Gianni Pettenati. Lo sparo, secco, al capo, in una stanza di un albergo che non c'è più. Innumerevoli sarebbero state, dopo quel giorno, le congetture intorno a quel dramma. Sino ad arrivare ad ipotizzare che quel biglietto non fosse stato scritto da lui. Sino a giungere a sostenere, che quello sparo sarebbe stato esploso da un revolver tenuto in mano da qualcun altro. Senza però riuscire mai a dimostrare di chi sarebbe eventualmente stata la mano che aveva scritto quelle righe e premuto quel grilletto. E, soprattutto, perchè. Luigi Tenco era uscito di scena, lasciando tutti sbigottiti e increduli, ma nonostante ciò, il festival approdò alla fine, con tutto quel corollario di ipocrisie che ne ha scandito la storia, anche nei suoi anni migliori. Se ne era andato lasciando sconvolta Dalida, interprete della seconda versione di quel brano. Ai due era stata attribuita una storia d'amore. Vera o presunta che fosse, è un fatto che da quel giorno Dalida non si sarebbe mai più ripresa, sino ad arrivare, diversi anni dopo, lei stessa a togliersi la vita. Se ne era andato lasciando uno strascico di polemiche, ingigantite dal tempo, soprattutto per rimarcare con quanta dabbenaggine e superficialità si fossero svolte le indagini sulla sua morte, sin dai primi istanti. A raccogliere la sua eredità, oltre al fratello Valentino, fu Aristide Rambaldi che fondò il Premio Tenco, una vetrina della canzone d'autore per artisti affermati ed emergenti che per anni ha convogliato nella città del fesivalone il meglio del cantautorato nazionale. Una rassegna che a cinquant'anni dalla morte del cantautore di Ricaldone, pare stia conoscendo un momento di smarrimento, proprio come lo stanno vivendo la canzone d'autore e la musica tutta. Ma Luigi Tenco, se non se ne fosse andato quella notte, se si fosse fatto una bella risata alla faccia di quella giuria che aveva preferito al suo brano una canzoncina orecchiabile e senza pretese, sarebbe stato....Luigi Tenco? Oggi, settantanovenne, avrebbe conservato quell'aura un po' magica che circonda i cantautori d'epoca, come Gino Paoli, Umberto Bindi, Sergio Endrigo e altri? Che ne sarebbe stato della sua carriera? Che avrebbe fatto dopo quel “Ciao amore, ciao” che a riascoltarla oggi pare un addio premeditato al mondo più che la fine di una storia d'amore? Difficile prevederlo. Un giorno Bruno Lauzi mi disse che Tenco era perseguitato da una sorta di tarlo che rodeva la sua esistenza, sin dai tempi del servizio militare, dal quale ad un certo punto era stato esonerato. Un tarlo che forse aveva già segnato il suo destino. Ciò che ci ha lasciato quel cantautore con lo sguardo triste e un po' perso, è una manciata di belle canzoni, per certi versi assai più avanti rispetto al modo di pensare alle canzoni del suo tempo. Il mistero della sua fine prematura e così tragica. Il rimpianto di ciò che forse avrebbe potuto essere e non è stato. La certezza del suo ricordo, così presente e così assiduo, che è propria di chi all'arte si accosta mettendo in gioco la propria anima e, fors'anche, la propria vita.

Giorgio Pezzana

Visite

Tot. visite contenuti : 472684

Chi è online

 48 visitatori online

Il Commento

SANREMO SI VENDE O SI "TAROCCA"?

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDF | Stampa | E-mail

Come stanno andando le canzoni dell'ultima edizione del Festival di Sanremo? C'è chi fa riferimento ai passaggi radiofonici per tentare di individuare se tra tanta mediocrità c'è qualche brano che sappia distinguersi. Ma il metro di misura non è dei più attendibili. E rende poco attendibili anche le classifiche di vendita discografica poiché, è risaputo, la gente risente pesantemente dei condizionamenti che principalmente vengono proprio da radio e tv. Il fatto è però che i “passaggi” radiofonici e televisivi di questo o quel cantante, non sono o sono in minimissima parte frutto di scelte libere e spontanee da parte di dj e conduttori. Scalette ed ospitate sono quasi sempre frutto di trattative economiche tra le emittenti e le case discografiche e queste ultime sanno bene che, spesso, a prescindere dalla qualità, a vendere dischi è chi fa più “passaggi”. Chi viene più visto e più ascoltato. Chi insomma entra più di altri nelle orecchie della gente. Ecco dunque che, ancora una volta, a fare la differenza non è la qualità del prodotto, ma l'investimento di chi produce. E se chi produce ha poco o nulla da investire, pur disponendo di un ottimo prodotto, è destinato a soccombere. I pochi veri big dell'ultima edizione del festivalone, lo erano ancor prima di partecipare alla rassegna. I presunti big invece, hanno pochi mesi a disposizione per sfruttare la visibilità sanremese e per moltissimi di loro, dopo l'estate, sarà l'oblio. Un tempo a supportare i protagonisti di Sanremo veniva “Un disco per l'estate” che consentiva a parecchi di loro un altro bagno di visibilità dopo quella della città dei fiori. Ora sono rimasti i centri commerciali ove anche un settantenne che ha fatto la storia della canzone italiana come Al Bano deve piegarsi alla dura legge dei selfie e dei dischi autografati tra casse di verdura e negozi di bigiotteria. In attesa di tempi migliori. Se verranno.

G. Pe.

 

Login



Con la registrazione ci si iscrive automaticamente alla news letter di "un'altra Music@"