musicamag.com
Banner
Banner
Banner

Editoriale

L'ASCOLTO NASCE DAL SILENZIO

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDF | Stampa | E-mail

“Educazione al Suono e alla Musica” : così recitano i Programmi dell' Istruzione Primaria. Io lo so bene, poiché da molti e molti anni mi interfaccio con l' universo Scuola di Base. Ecco, di questo si dovrebbe scrivere : delle “basi” della Musica. Le note? La teoria? La tecnica? No di certo, siamo già oltre il presupposto basilare. Non entrerò in ambiti legislativi, né didattici, né riassumerò gli articoli sempre presenti periodicamente nei quotidiani o mensili di scienza o attualità, su quanto e come lo studio della musica o di uno strumento sviluppi intelligenza, coordinazione, capacità di analisi e sintesi. Non lo farò. Perché ancor prima di tutto questo c'è un aspetto più educativo, più bello, più misterioso, ancor più funzionale e propedeutico degli altri, allo sviluppo dell' intelligenza pratica ed emotiva di un individuo, che sempre Musica è, ma in modo ancor più speciale. Il Silenzio. Ecco come dovrebbe mutare la dicitura del programma formativo per le nostre giovani menti e i nostri giovani cuori : “Educazione al Silenzio”. Nessun Ascolto è possibile, se non si è dato prima spazio al Silenzio. E il saper stare in silenzio, non è purtroppo un' abilità propria della maggior parte degli individui. Un ragazzino che impara a stare in silenzio, impara necessariamente ad ascoltare. E chi sa ascoltare, valuta, discrimina, interiorizza, apprende, per via diretta e naturale. Peccato : sembra invece che il mondo viaggi nella direzione opposta. Ci si parla tutti addosso, la maggior parte delle volte senza neppure avere dei contenuti interessanti o di pregio da comunicare. Voce a manetta, a surclassare ogni altra fonte sonora, non essendo in grado spesso di ascoltare né gli altri né sé stessi.Chi tace spaventa. E' pericoloso. Perché nel silenzio si pensa, si ragiona e si ascolta. Quindi, meglio non prodigarsi troppo in siffatta educazione. Non vorremo mica troppe teste sensibili e pensanti in giro?!? Il silenzio è il delicato concerto di suoni che non si possono udire in prima istanza con le orecchie, vibrazioni pure delle corde dei sensi e dello spirito. Per questo occorre restarvi : per ascoltare e intendere. Nel Silenzio sbocciano fantasia, immaginazione, ispirazione, istruzione, apprendimento, abilità. Il Silenzio fa affiorare e riaffiorare, fiorire e rifiorire, rigenera, rinfresca come un temporale nel cuore di una caldissima estate. Regala godimento fisico e mentale. Nella prima mia lezione di pianoforte in Conservatorio il mio Maestro mi disse “ Ricorda, le pause sono ancor più importanti delle note stesse ”. Io lo cerco, lo sogno, lo bramo, lo chiedo, quando non ce l'ho. Lo afferro, lo stringo, lo accarezzo, lo sbrano, lo regalo, quando ce l'ho finalmente. Lo insegno. Quantomeno ci provo. Qualcuno non sopporta il silenzio, non comprende l' esigenza o il piacere dell' assenza di suono e rumore. Senza iPod, c'è chi perderebbe davvero il controllo. Certo perché se ti svegli al mattino e, senza radio o tv, ti fermi un attimo a pensare alla giornata che ti aspetta, il lavoro, i figli o il cane, la fidanzata o la moglie, il compagno o il marito, gli incastri, il traffico, il finchè morte non ci separi … come sopravvivi?!? Semplice : con due auricolari sparati nei timpani.Mia figlia ci ha messo...quanto ci ha messo per imparare a parlare? Un anno, un anno e mezzo? E ora per imparare a tacere, quanto ci dobbiamo mettere, noi tutti? Bisogna insegnare a stare in silenzio, quando serve, quando ci sta, quando ogni altra cosa è superflua. Perché dai silenzi si impara, nel silenzio si osserva, con il silenzio si conosce. Le cose che io più mi ricordo, quelle che più mi hanno segnato, non sono le parole o i fatti, ma gli spazi e i tempi intercorsi tra una parola e un' altra, tra un accadimento e un altro. Tutto nella vita ha un suo ritmo e sono le pause e i silenzi a scandirne il divenire. E quando avremo imparato e insegnato a chiudere la bocca e ad aprire le orecchie, allora e solo allora, si tornerà ad apprezzare la Musica, ad ascoltarla con coscienza, a scriverla con consapevolezza,  a darle il giusto spazio, a restituirle la doverosa considerazione.

Mariangela Di Michele (Marydim)

 

Il progetto B9 è un'iniziativa musicale avviata lo scorso anno, promossa dal Dipartimento della Gioventù e realizzata dalle amministrazioni comunale di Biella, Vercelli e Novara con l'obiettivo di mettere in campo le risorse artistiche e musicali dei tre capoluoghi ed approdare all'individuazione di finalisti e vincitori ai quali offrire la possibilità di realizzare un cd ed un video. Dopo un lungo percorso di selezione, le due formazioni premiate sono risultate gli Entropia ed il Cookies Trio. Nel primo caso, ci troviamo al cospetto di una band che ha sicuramente delle potenzialità interessanti, come rivela soprattutto l'ultimo brano dei sei contenuti nel loro cd “Il tempo del rifiuto”. “Quella che” è l'unica canzone che non ha risentito di quella sindrome da rock che pervade gli altri brani. Il fatto che una rock band abbia un repertorio caratterizzato principalmente da brani rock, a dirsi è banale e scontato. Ma il rock non deve diventare un'ossessione poiché diversamente, quando accade, rischia di penalizzare ciò che di buono si va a proporre. Scariche improvvise di chitarre elettriche dopo avere creato atmosfere distese e presupposti d'ascolto che parrebbero condurre a sviluppi musicali meno traumatici, non sempre sono sinonimo di buon rock ed in alcuni casi possono lasciare il sospetto che si tratti invece di rock ad ogni costo. Gli Entropia, se e quando sapranno andare oltre a questa dimensione, risulteranno musicisti capaci di generare robuste suggestioni in chi li vorrà ascoltare. Ne hanno le necessarie potenzialità.

Assolutamente diverso il discorso riguardante il Cookies Trio. Qui ci troviamo al cospetto di tre ragazzi che sono già andati oltre la semplice e pura sperimentazione e danno l'impressione di avere ben chiaro un percorso artistico che li sta circondando di attenzioni e consensi. Tra blues e cabaret, forti di un'espressività eloquente e di una grande confidenza con le loro tre chitarre, raccontano storie divertenti e talvolta scanzonate, perlopiù vicende di simpatici sfigati così come si sentono molti giovani di questa generazione, senza per altro tralasciare tematiche sociali importanti che con un sorriso aprono però le porte a riflessioni doverose. E' il caso di “Disoccublues”, uno dei cinque brani incisi dal Trio dopo il piazzamento ottenuto al B9, con il quale narrano la storia tutt'altro che banale di un giovane che cerca lavoro e si vede chiudere tante porte in faccia paradossalmente perchè laureato. Riaffiora la storiella non nuova di chi cerca un apprendista esperto, quasi come se i due requisiti non fossero l'uno in contrasto evidente con l'atro. Nel cd è poi contunuta una traccia video con il brano “Bon Sexe” assolutamente divertente e godibile, come lo è il Trio quando si esibisce in dimensione live. Questi sono ragazzi che sanno il fatto loro. Avrebbero bisogno (e la meriterebbero) di un'opportunità importante.

Visite

Tot. visite contenuti : 233637

Chi è online

 59 visitatori online

Login



Con la registrazione ci si iscrive automaticamente alla news letter di "un'altra Music@"