musicamag.com
Banner
Banner
Banner

Editoriale

CAMORRA SOUND

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDF | Stampa | E-mail

Nell’universo artistico (e, nello specifico, in quello musicale) di una città (Napoli) che “vive del proprio racconto”, esiste da oltre quarant’anni una sorta di amnesia collettiva nei confronti delle tematiche legate alla camorra, se non addirittura, nella sceneggiata e in alcune frange del variegato e variopinto fenomeno neomelodico, un’atteggiamento apologetico. Ritroviamo questa dimensione in un insolito libro ("Camorra sound" edizioni Magenes) di recente pubblicazione, scritto da Daniele Sanzone, voce e anima degli ‘A67, il quale indaga in profondità le ragioni alla base di questo fenomeno avvalendosi della sua solida competenza e delle testimonianze dei protagonisti. Introdotto da un’acuta contestualizzazione dello storico Marcello Ravveduto, il saggio di Sanzone passa in rassegna senza concessioni, con visione d’insieme lucida e stile agile, la storia della musica napoletana dal folk alla sceneggiata, dal Neapolitan Power alla Vesuwave, passando per i neomelodici, interconnettendola alle modificazioni profonde che nel frattempo sono intervenute nel tessuto sociale e culturale di Napoli e delle sue periferie e nell’organizzazione stessa del Sistema. Se infatti negli Anni Settanta la camorra “non è percepita come un problema prioritario, ma legato e subordinato al malessere sociale e all’assenza dello Stato”, negli Anni Ottanta le cose cambiano radicalmente con il narcotraffico e l’escalation di violenza della NCO (Nuova Camorra Organizzata) di Raffaele Cutolo. Ciononostante, paradossalmente, il più illuminato e disarmante affresco dello stato delle cose non verrà dalla penna di un artista napoletano, ma da quella del mai abbastanza compianto Fabrizio De André. Si tratta di un libro interessantissimo e, come raramente accade nell’editoria legata al mondo musicale, indispensabile per capire ed approfondire i tanti aspetti di un disagio (ma sarebbe più giusto parlare di un cancro sociale) contestualizzato nell'essenza stessa di una città e di ciò che in essa si muove.

Alessandro Hellmann

 

S’intitola “Cielo nero” ed è un album doppio curiosissimo per le sue finalità e per le sua caratterizzazione. Iniziamo dicendo che il “cielo nero” al quale si riferisce il titolo, è evocativo degli incendi boschivi dei quali si occupa il progetto sardo/piemontese.

Già, perché le 24 canzoni contenute nei due cd sono affidate ad artisti sardi e piemontesi, riuniti in questa curiosa operazione, sostenuta anche dalle Regioni Piemonte e Sardegna. Il ricavato derivante dalla vendita del doppio cd sarà interamente devoluto all’Associazione Antincendi Boschivi di Condove per l’acquisto di un mezzo antincendio. Quella degli incendi boschivi, è una piaga storica che interessa parimenti il Piemonte e la Sardegna. Incendi accidentali, provocati da situazioni ambientali e climatiche contingenti, ma anche e forse soprattutto incendi dolosi all’origine dei quali s’intuiscono disegni criminali legati spesso alla malavita organizzata. L’Aib di Condove, che conta una trentina di  volontari, vanta molti interventi e collaborazioni in operazioni ad ampio raggio, spesso ai confini con la vicina Liguria. Tra gli artisti che compaiono nel doppio album, Marco Carena, i congedati del Coro della Brigata Alpina Taurinense, il Coro “Mariele Ventre”di Sassari, i Farinei d’la Brigna,  Gipo Farassino, Lou Dalfin, Massimo Zaccheddu e molti altri. Per ulteriori informazioni Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Visite

Tot. visite contenuti : 176212

Chi è online

 19 visitatori online

Login



Con la registrazione ci si iscrive automaticamente alla news letter di "un'altra Music@"