musicamag.com
Banner
Banner
Banner

Editoriale

IGNORANTI!

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDF | Stampa | E-mail

 

La cantautrice Cristina Donà, all'atto della pubblicazione del suo nuovo disco, “Così vicini”, si è concessa un'osservazione assolutamente condivisibile ed anche abbastanza ovvia: «Con lo streaming» ha detto la musicista «l'artista non sopravvive». Apriti cielo. A questa dichiarazione ha fatto seguito un'ondata di osservazioni, tutte anonime, di questo tenore: “Cosa si intende dire con questo "messaggio" sullo streaming? Che i cantanti e gli artisti in generale non diventeranno mai più ricconi come accaduto in passato? “; o ancora “Cristina Donà, non sapevo che esistesse, mi sono andato ad ascoltare alcuni brani...noiosa ed arcaica...” o anche “E chi sarebbe Cristina Donà? E' famosa?”. Avrei potuto riportare diverse altre dissertazioni di così elevato livello, ma ho preferito graziare il lettore. Però, qualche valutazione ci sta tutta. Intanto, spunta qua e là quell'odiosissima invidia sociale nei confronti di chi si è arricchito (con la musica o con altre attività non fa differenza per questi galantuomini). Non difendo i ricchi. Ma non li invidio. Penso che abbiano avuto delle opportunità e che abbiano saputo coglierle. O sono semplicemente arrivati al posto giusto nel momento giusto (parlo di chi si è arricchito con il proprio lavoro, non rubando, beninteso). Credo che persone più o meno fortunate, più o meno capaci, più o meno intelligenti, più o meno dotate di talento, appartengano alla storia dell'umanità. Proprio per questo il ricco non è per forza un mascalzone ed il povero (o il meno finanziariamente dotato) non è sempre un perseguitato dal destino. Ma al di là di questi aspetti, ad emergere in modo costante, con disarmante insistenza, è l'ignoranza, che spesso va a coniugarsi con dosi insopportabili di arroganza. Cristina Donà, ha iniziato il suo percorso artistico nei primi anni Novanta, ha al suo attivo nove album, collaborazioni di primissimo piano, centinaia di concerti e riconoscimenti da parte della critica più qualificata. Ma soprattutto non ha bisogno di avvocati difensori ed io non intendo ricoprire questo ruolo. Però, una domanda me la pongo e ve la sottopongo: a cosa dobbiamo il dilagare di questo fenomeno, che porta a parlare e scrivere a vanvera chi non sa neppure, in realtà, di che cosa e di chi sta parlando? Recentemente ho avuto modo di accennare al gravissimo problema dell'ascolto della musica, o meglio, del non ascolto della musica, sempre più rumore di fondo di pub, pizzerie, ristoranti ove avventori sguaiati, spesso ubriachi o fatti, non prestano la minima attenzione (né il minimo rispetto) a chi sta suonando, in un angolo oscuro del locale. Ora penso che si dovrebbe aggiungere, all'urgenza dell'educazione all'ascolto, anche la necessità di un minimo di conoscenza di storia della musica (o dei generi musicali). E' sinceramente disarmante avere a che fare con schiere di persone (spesso giovani e giovanissime) che usano la rete per dare sfogo ad avvilenti dimostrazioni di ignoranza. Gente che misura il talento con osservazioni del tipo “ma è famosa?”, gente che con compiacimento dice che finalmente cantanti e musicisti non saranno più dei ricconi nullafacenti solo per avere azzecato un paio di canzoni con le quali vivere di rendita. Facciamo corsi di educazione musicale! Facciamoli nelle scuole e fuori dalle scuole. Ma facciamoli. E cerchiamo di fare comprendere anche che cosa, di buono e di meno buono, ci sta intorno alla musica. Perchè nella musica ci siamo immersi ogni giorno. Perchè la musica è una delle poche vie di salvezza contro i grigiori e le brutture del mondo.

Giorgio Pezzana

 

The Gift, una band del panorama  indie rock degli anni 80 che si riforma dopo ben 25 anni e ritorna con un full leght che racchiude tracce del passato ( parliamo della meta' degli anni '80 ) rimasterizzate e due ''bonus track'' di nuova composizione registrate per l'occasione.

 

 

La formazione vede ritornare i componenti originali, dopo esperienze con musicisti diversi. Ugo Sala si occupa delle vocals, Danilo burchielli alla chitarra, Delfino de Leonardis al basso, Pino Petraccia alla batteria. Il cd intitolato ( giustamente ) “Rebirth” è dedicato alla memoria di Stefano Alici fondatore del combo e chitarrista, nonchè ideatore del nome della band ed autore di molti dei testi dei vecchi brani. Metto il cd nello stereo, mi rilasso sul divano con la luce soffusa, e immediatamente vengo assalito ( piacevolmente) da '' The change '' e capisco che qui si fa sul serio. Suoni di chitarra veramente acidi e graffianti, per un pezzo che mi riporta molto indietro agli anni della new wave dominati da realta' di tutto rispetto come Joy Division, Velvet Underground eccetera. The Gift mi sorprendono, omaggiando il succitato sound con una performance estremamente personalizzata che unisce le atmosfere oscure ed il basso ossessivo tipico del genere, con una voce perfettamente a suo agio e un arrangiamento impeccabile, mai stucchevole o autocelebrativo. Ed arriva ''The change'' la seconda traccia che si apre su un bellissimo tema melodico, se devo azzardare un giudizio che lascerà stupiti gli amanti della new wave lo definirei a metà tra un riff alla Cure con la melodia accattivante dell'Aor ( crocefiggetemi...). Il pezzo è in assoluto il migliore dell'album, in bilico tra la sempre presente new wave e sonorità meno oscure melodie e temi che si intrecciano costruendo un tappeto sonoro molto accattivante e definito. La third track ''Beautiful toy '' mantiene l'album su livelli di eccellenza, cambiando però radicalmente approccio. Qui la chitarra invece di essere graffiante ed acida ha ora una sonorità ''clean'' e sostiene le linee vocali mai scontate di Ugo Sala con una ritmica molto funkeggiante suonata con ''polso'' dall' ottimo Danilo Burchielli axeman sempre presente ma mai nvadente, e sempre '' adeguato'' al contesto dei brani e preciso nei licks. “Wind in my head”, il brano successivo si mantiene sulle stesse coordinate, con un approccio lievemente più punkeggiante; belli anche i cori e i pulitissimi i fraseggi di chitarra e basso, che danno freschezza ad un pezzo che con facilità avrebbe potuto scadere in consolidati canoni punk. Poi ''The wind in my head'' , ovvero psichedelia pura, non ho altre parole per questa entusiasmante allucinazione musicale. Ma anche i The Gift decidono di concedersi il classico momento  di ''tranquillita' unplugged'' e lo fanno con ''All of this is what remains of you”, semplice, una sola chitarra acustica, strumming senza tanti fronzoli, la voce con finali di frase volutamente ''sguaiati'' diverte e sottolinea la struttura armonica; il solo di Burchielli è '' da manuale''  pulito e preciso a servizio di un brano semplice ma coinvolgente. '' White Queen'' , è un tipico brano '' sixties '' dove spicca un organo Farfisa molto ben inserito da Mariolo Scano. Brano di semplice struttura, che scorre piacevolmente e aiuta a prendersi un momento di piacevole relax ''revival''. Ma ecco subito dopo ''I Wanna be drunk with you'' cioè un rock n' roll della piu' classica scuola. Ma la ''The Gift Attitude'' spicca anche qui. Ancora Velvet Underground è il pensiero che ritorna ascoltando ''Frankie says ''. Attenzione però, non sto affatto insinuando alcun sospetto di plagio, ma le sonorita' sono veramente quelle , proposte con molta freschezza . ''Taxman'', song del periodo piu ''visionario - psichedelico '' dei Beatles siadatta perfettamente allo stile The Gift , indovinata scelta di cover, che rimarca come il gruppo abbia una solida consapevolezza delle proprie attitudini. Veloce ''The Sphere'' esce dagli speaker dello stereo piacevole e ritmata. Anche ''For the rest of my life''  '' I said no''   ''Show me your face''  e  ''The sailor'' mantengono il sound del disco su livelli psyco - dark di elevato standard, per poi chiudere con una '' Jam session'' improvvisata , come tributo del combo a quel genio che fu il mai troppo compianto Jimi Hendrix, vero trait - d'union tra blues rock e psichedelia. In conclusione un disco che soddisfa decisamente l'ascoltatore ''generico'' e che entusiasmerà gli appassionati del genere.

Visite

Tot. visite contenuti : 196502

Chi è online

 42 visitatori online

Login



Con la registrazione ci si iscrive automaticamente alla news letter di "un'altra Music@"