musicamag.com

ATTENZIONE: per recensioni di album o EP occorre il supporto fisico da inviare al seguente indirizzo:

Associazione Artistica AnniVerdi - Rivista "Un'Altra Music@" - Via del Carmine, 5 - 13878 Candelo( Bi)

Per i soli annunci di EP, singoli e videoclip, non viene richiesto il supporto fisico.

Editoriale

L'INCONSISTENZA DEI PERSONAGGI MADE IN TALENT

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDF | Stampa | E-mail

Quanto rumore. E quanto stupore, per nulla. La cancellazione del concerto di Elodie all'Alcatraz di Milano per “motivi tecnici”, che in realtà sanno lontano un miglio di motivi di opportunità, sta rimbalzando sui social con commenti di ogni tipo. L'unica verità vera è che il mondo della musica è sempre più “drogato” da una terminologia enfatica che non può né mai potrà trasformare in un personaggio di rilievo una nuova proposta ancora tutta da scoprire e da formare. Oggi ogni concerto deve essere un “evento” ed ogni “evento” deve regisrare il “sold out”, cioè il tutto esaurito. I cantanti sconosciuti proposti dai talent in pochi mesi vengono definiti “big”, ovviamente tutti fanno album, che non si vendono e partono per tournèe che quasi sempre si spengono per strada. Come sono lontani i tempi in cui band (che allora si chiamavano complessi) come i Camaleonti o l'Equipe 84, con i loro 45 giri già in classifica, facevano il giro dei dancing su di un coloratissimo furgone Volkswagen ove ci stavano loro ed i loro strumenti. Perchè così si acquisiva popolarità, facendo 200 concerti all'anno nei locali più sperduti del Paese, senza laser e senza talent, affidando la propria professionalità ed il proprio futuro ad una solida gavetta. E la storia ci insegna che spesso neppure questi sacrifici erano garanzia di un successo duraturo. Il termine “sold out” in Italia non lo conosceva nessuno e nei dancing si suonava anche alla domenica pomeriggio, spesso per 200 persone. Ma senza rinvangare situazioni di un passato così lontano e così diverso, occorrerebbe di certo più realismo anche alla luce delle moderne attese e delle più recenti tecnologie. Perchè mai Elodie (e come lei decine di più o meno sconosciuti che hanno calcato per un breve periodo i palcoscenici dei talent) dovrebbe fare il pienone (scusate, “sold out” mi viene difficile anche da scrivere) a tutti i costi, pena la cancellazione del concerto? Chi è Elodie? Che trascorsi in carriera può vantare? L'hanno fatta andare tra i big al festival di Sanremo, è vero. Ma i big sono altra cosa ed il festival di Sanremo era altra cosa finchè era rimasto una rassegna della canzone italiana e non un fatto di costume infarcito di personaggi fasulli sponsorizzati dalla tv e dalle major. Mediamente il biglietto d'ingresso da un concerto oscilla tra i 25 ed i 40 euro. Un album costa tra i 18 ed i 20 euro. Cifre non proprio indifferenti per giovani squattrinati o foraggiati con le paghette di genitori che spesso la crisi economica ha messo in affanno. Cifre che spesso, nel rapporto qualità/prezzo, non valgono la spesa. E non perchè Elodie o le altre decine dei prodotti dei talent siano personaggi qualitativamente sempre scadenti (lo sono in molti, ma non tutti), ma perchè si tratta di personaggi artisticamente immaturi, con un'immagine ancora tutta da definire e, soprattutto, facilissimi da trovare e scaricare su internet. Su questa rivista accade non raramente di recensire i lavori di artisti sconosciuti, ma assolutamente interessanti. Spesso assai più di quelli che partecipano alle passerelle fasulle dei talent. Nella maggior parte dei casi, si tratta di personaggi che non cercano scorciatoie, accettano le dure leggi della gavetta e probabilmente per qualcuno si apriranno le porte di un successo, ma forse ancor più di una professione, più solido e duratoro. Ma nessuno di loro pensa di fare oggi il “sold out” all'Alcatraz di Milano ed ancor meno si sognano di cancellare le tappe nei locali ove portano faticosamente la loro musica, solo perchè non si tratta di “eventi” ma di semplici e comuni serate. Proprio come quelle che nei decenni passati avevano scandito i percorsi di artsti che oggi si chiamano Ligabue, Vasco, Zucchero, Gianna Nannini e via elencando. Tutto ciò significa che i talent non servono a nulla? Si, significa proprio che i talent non servono a nulla.

Giorgio Pezzana

 

The Gift, una band del panorama  indie rock degli anni 80 che si riforma dopo ben 25 anni e ritorna con un full leght che racchiude tracce del passato ( parliamo della meta' degli anni '80 ) rimasterizzate e due ''bonus track'' di nuova composizione registrate per l'occasione.

 

 

La formazione vede ritornare i componenti originali, dopo esperienze con musicisti diversi. Ugo Sala si occupa delle vocals, Danilo burchielli alla chitarra, Delfino de Leonardis al basso, Pino Petraccia alla batteria. Il cd intitolato ( giustamente ) “Rebirth” è dedicato alla memoria di Stefano Alici fondatore del combo e chitarrista, nonchè ideatore del nome della band ed autore di molti dei testi dei vecchi brani. Metto il cd nello stereo, mi rilasso sul divano con la luce soffusa, e immediatamente vengo assalito ( piacevolmente) da '' The change '' e capisco che qui si fa sul serio. Suoni di chitarra veramente acidi e graffianti, per un pezzo che mi riporta molto indietro agli anni della new wave dominati da realta' di tutto rispetto come Joy Division, Velvet Underground eccetera. The Gift mi sorprendono, omaggiando il succitato sound con una performance estremamente personalizzata che unisce le atmosfere oscure ed il basso ossessivo tipico del genere, con una voce perfettamente a suo agio e un arrangiamento impeccabile, mai stucchevole o autocelebrativo. Ed arriva ''The change'' la seconda traccia che si apre su un bellissimo tema melodico, se devo azzardare un giudizio che lascerà stupiti gli amanti della new wave lo definirei a metà tra un riff alla Cure con la melodia accattivante dell'Aor ( crocefiggetemi...). Il pezzo è in assoluto il migliore dell'album, in bilico tra la sempre presente new wave e sonorità meno oscure melodie e temi che si intrecciano costruendo un tappeto sonoro molto accattivante e definito. La third track ''Beautiful toy '' mantiene l'album su livelli di eccellenza, cambiando però radicalmente approccio. Qui la chitarra invece di essere graffiante ed acida ha ora una sonorità ''clean'' e sostiene le linee vocali mai scontate di Ugo Sala con una ritmica molto funkeggiante suonata con ''polso'' dall' ottimo Danilo Burchielli axeman sempre presente ma mai nvadente, e sempre '' adeguato'' al contesto dei brani e preciso nei licks. “Wind in my head”, il brano successivo si mantiene sulle stesse coordinate, con un approccio lievemente più punkeggiante; belli anche i cori e i pulitissimi i fraseggi di chitarra e basso, che danno freschezza ad un pezzo che con facilità avrebbe potuto scadere in consolidati canoni punk. Poi ''The wind in my head'' , ovvero psichedelia pura, non ho altre parole per questa entusiasmante allucinazione musicale. Ma anche i The Gift decidono di concedersi il classico momento  di ''tranquillita' unplugged'' e lo fanno con ''All of this is what remains of you”, semplice, una sola chitarra acustica, strumming senza tanti fronzoli, la voce con finali di frase volutamente ''sguaiati'' diverte e sottolinea la struttura armonica; il solo di Burchielli è '' da manuale''  pulito e preciso a servizio di un brano semplice ma coinvolgente. '' White Queen'' , è un tipico brano '' sixties '' dove spicca un organo Farfisa molto ben inserito da Mariolo Scano. Brano di semplice struttura, che scorre piacevolmente e aiuta a prendersi un momento di piacevole relax ''revival''. Ma ecco subito dopo ''I Wanna be drunk with you'' cioè un rock n' roll della piu' classica scuola. Ma la ''The Gift Attitude'' spicca anche qui. Ancora Velvet Underground è il pensiero che ritorna ascoltando ''Frankie says ''. Attenzione però, non sto affatto insinuando alcun sospetto di plagio, ma le sonorita' sono veramente quelle , proposte con molta freschezza . ''Taxman'', song del periodo piu ''visionario - psichedelico '' dei Beatles siadatta perfettamente allo stile The Gift , indovinata scelta di cover, che rimarca come il gruppo abbia una solida consapevolezza delle proprie attitudini. Veloce ''The Sphere'' esce dagli speaker dello stereo piacevole e ritmata. Anche ''For the rest of my life''  '' I said no''   ''Show me your face''  e  ''The sailor'' mantengono il sound del disco su livelli psyco - dark di elevato standard, per poi chiudere con una '' Jam session'' improvvisata , come tributo del combo a quel genio che fu il mai troppo compianto Jimi Hendrix, vero trait - d'union tra blues rock e psichedelia. In conclusione un disco che soddisfa decisamente l'ascoltatore ''generico'' e che entusiasmerà gli appassionati del genere.

Visite

Tot. visite contenuti : 489944

Chi è online

 22 visitatori online

Il Commento

ECCO I MOTIVI DELLE RECENSIONI SENZA FRETTA

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDF | Stampa | E-mail

Qualcuno in questi giorni mi ha chiesto per quale ragione le recensioni degli album su “Un'altra Music@” compaiano sistematicamente a distanza di qualche settimana, se non di qualche mese, dalla loro pubblicazione. Si tratta di una scelta o di un'esigenza dettata dalle ridotte dimensioni della nostra redazione e degli spazi sul magazine? Fermo restando che in redazione siamo in pochissimi e ci siamo imposti di ascoltare sempre tutto ciò che finisce sulle nostre scrivanie (contrariamente a quanto fanno altri che si limitano a fare il copia/incolla di quanto inviano le agenzie di stampa), il che richiede tempo, molto tempo, è anche una scelta dettata da una riflessione più ampia. Da quando le nuove tecnologie hanno di fatto ridotto ai minimi termini il mercato discografico, abbiamo assistito al trionfo dell'usa e getta che tutto divora e tutto azzera. Cosicchè, di un cd uscito oggi, sulle riviste specializzate, si parla nei prossimi cinque giorni, dopodichè cala il silenzio. Tutti ne scrivono insieme e tutti lo fanno subito. In virtù di quella esigenza di “stare sul pezzo” che, se è irrinunciabile qualora ci si occupi di cronaca, non lo è affatto quando ci si occupa di arte in genere (dalla musica al settore editoriale, dall'arte visiva alle programmazioni teatrali). In tal modo, un prodotto che ha richiesto mesi quando non anni di lavoro, “sfiorisce” in pochi giorni soppiantato da altre produzioni, destinate a fare la medesima fine. “Un'altra Music@”, ponendosi in alternativa rispetto alle dilaganti tempistiche dei lanci e della promozione discografica, non intende farsi risucchiare da questo vortice, che sta alla base del mancato consolidamento di tante produzioni discografiche, ma anche della mancata affermazione di artisti ai quali non viene più concesso il tempo di “crescere” e di entrare in sintonia con il pubblico. Il pubblicare una recensione settimane o mesi dopo l'uscita di un album, significa continuare a fare vivere quel prodotto, significa sottoporlo nuovamente all'attenzione di chi legge e di chi ascolta, recuperando le distrazioni di coloro che, fuorviati dalla frenesia delle uscite in tempo reale, si sono forse persi la possibilità di cogliere il senso di una canzone o il percorso artistico di un album. Una rivista che si occupa di musica non ha e non deve avere i tempi della cronaca. Né ha esigenze di primogenitura. Non importa se prima di noi a scrivere di quel cd sono state altre riviste. Importa la professionalità con la quale noi ci accostiamo a quel lavoro, l'attenzione che gli dedichiamo, il rispetto che portiamo a chi ci ha richiesto un parere. Oltre alla già espressa convinzione che non vi sia lavoro musicale o comunque artistico che possa esaurirsi in cinque giorni. Ed a costo di sembrare “passatista” a tale proposito mi piace ricordare che nel tempo dei vinili le canzoni di maggior successo del Festival di Sanremo occupavano le classifiche discografiche sino a maggio, per poi lasciare il posto ai brani di “Un disco per l'estate” che si contendevano i piazzamenti sino a ottobre. Altri tempi, certo. Tempi in cui la musica si ascoltava davvero ed il lavoro di un artista era un progetto al quale veniva concesso il tempo per esplicarsi e svilupparsi. Se ciò non accadeva i fattori avversi erano altri, non certo l'ansia di divorare tutto e subito.

G. Pe.

 

Login



Con la registrazione ci si iscrive automaticamente alla news letter di "un'altra Music@"