musicamag.com

ATTENZIONE: per recensioni di album o EP occorre il supporto fisico da inviare al seguente indirizzo:

Associazione Artistica AnniVerdi - Rivista "Un'Altra Music@" - Via del Carmine, 5 - 13878 Candelo( Bi)

Per i soli annunci di EP, singoli e videoclip, non viene richiesto il supporto fisico.

Editoriale

"ROLLING STONE" SE LA POLITICA DIVENTA DELIRIO

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDF | Stampa | E-mail

Fermo restando che io appartengo a quel novero di persone che ritengono che la musica si faccia per la musica e non per intruppare le masse e condurle a fare i cortei nelle piazze, mi ha incuriosito ed indignato l’iniziativa di “Rolling Stone Italia”, rivista musicale e cinematografica di comprovato prestigio, che lancia una campagna contro il ministro Salvini ringhiando un pericoloso e delirante “Da ora chi tace è complice”. Complice di che? Di appartenere all’area di quei 17 milioni di italiani che alle ultime consultazione elettorali hanno fatto una scelta diversa da quella di sinistra? Complice di condividere ed approvare una diversa razionalizzazione nell’approccio con la questione dei migranti, prendendo le distanze dalle politiche sin qui condotte in materia dai Governi di sinistra?  Complice di approvare in senso più ampio l’idea di un Governo del cambiamento dopo avere subìto per anni ed anni il volere di Governi di sinistra, neppure liberamente eletti? Ma non è solo l’iniziativa di “Rolling Stone” a destare le mie perplessità. Ci metto anche e forse con toni ancora più accesi l’enfasi con la quale questa iniziativa è stata rilanciata da certi cosiddetti “giornaloni” che non contenti di aggregarsi ad una sorta di “caccia all’uomo” indegna, a prescindere da chi sia l’uomo (per altro lo avevano già fatto con Berlusconi), giungono a scrivere che i nomi dei cantanti e degli artisti in genere che hanno aderito alla sottoscrizione, consente anche di risalire a chi non vi ha aderito pur essendo stato, quasi certamente, invitato a farlo da “Rolling Stone”. Ma stiamo scherzando? Facciano le liste dei “buoni” e dei “cattivi” così poi possiamo premiare i primi e punire i secondi ovvero, continuare a dare risalto, recensioni, visibilità, spazi radiofonici e televisivi a quelli che, riconoscendosi nella sinistra, hanno aderito alla triste iniziativa di “Rolling Stone”, esautorando tutti gli altri? E questo non è fascismo? Le elezioni del 4 marzo scorso hanno espresso in modo chiaro ed inequivocabile la scelta di un’ampia maggioranza di italiani. Scelta che è poi stata ribadita e se possibile accentuata ulteriormente dalle consultazioni per il rinnovo di svariate amministrazioni comunali, con le successive conferme ai ballottaggi. Se non si accettano i verdetti delle urne, non si accetta il concetto stesso di democrazia. Ma su questo, la vicenda di “Rolling Stone” non ha portato altro che ulteriori conferme. Ed ora cerchiamo di tornare alla musica e di ascoltarla, giudicarla, criticarla o apprezzarla. Senza però mai usarla per perseguire fini politici. La musica e l’arte sono espressioni troppo nobili per divenire strumenti di queste bassezze.

Giorgio Pezzana

 

E' di recentissima pubblicazione l'album "Purity" degli Estetica Noir, preceduto dal singolo "In Heven" che si questa rivista abbiamo già avuto modo di trattare. Abbiamo incontrato la band nel momento in cui sta decollando la promozione di questo lavoro che passerà attraverso un percorso live piuttosto intenso.

Il vostro progetto tende a coniugare il passato con il presente ed anche il futuro, sia come concezione sia come struttura musicale. Come si riesce a "recuperare" il passato senza facili nostalgie ed a guardare al futuro con quello che definirei un realismo virtuale?

Come hai ben spiegato gli Estetica Noir cercano di coniugare il passato degli ‘80 e ‘90, quello che ha caratterizzato la nostra adolescenza e che quindi ci ha segnato profondamente, con le possibilità che la tecnologia offre ai giorni nostri. Il mood è quindi quello del passato, con il gusto per le melodie e la struttura canzone (non come purtroppo avviene nell'ambito dark-goth attuale, nel quale spesso l'importanza del sound sommerge il songwriting); nel nostro caso l'elettronica è al servizio del brano, ne caratterizza l'arrangiamento, non ne influenza la struttura o l'armonia. Nella maggior parte dei casi i nostri brani nascono in modo tradizionale, da improvvisazioni con la chitarra acustica o con il pianoforte, e poi vengono riarrangiati in sala prove o in studio. Per il resto, prescindere dalla nostalgia è praticamente impossibile. Siamo in un'epoca del “mordi e fuggi” e raramente l'ascoltatore medio sofferma la sua attenzione su un brano intero, figuriamoci sulla durata di un album; noi, ormai quarantenni per i 3/4,  siamo i figli della “cassettina” registrata dall'amico o “rubata” durante trasmissioni su radio indipendenti o acquistata mettendo da parte i soldini della paghetta settimanale. E poi siamo nostalgici dei grandi nomi, quelli di band che sfornavano un disco all'anno e facevano tour memorabili ed erano investiti da quell'alone di mistero spezzato solo dalle poche foto che riuscivi a intravedere sulle riviste specializzate. D'altro canto va detto che  però  apprezziamo le possibilità che la tecnologia offre, come quella di essere ascoltati in tutto il mondo, quindi per forza di cose passato e presente dentro di noi hanno finito per coniugarsi...

Rock, dark, pop, heavy metal... i generi musicali si rincorrono e talvolta si arrampicano sugli specchi di improbabili originalità. Voi come vi rapportate con il pubblico e quale messaggio pensate di trasferire a chi vi ascolta?

Negli ultimi vent'anni i generi musicali si sono intrecciati ed evoluti nelle forme più disparate. Da una parte ciò ha creato fantastici ibridi e filoni che hanno determinato nuove frontiere fino a prima inimmaginabili, aprendo le menti e cercando soluzioni coraggiose (purtroppo alle volte a discapito della qualità, ma noi apprezziamo sempre chi si prende dei rischi. Dirò una cosa impopolare, ma col senno di poi, seppure in gioventù ho amato gruppi come Iron Maiden o Ac/Dc, giusto per fare un paio di esempi, trovo insopportabile il fatto che abbiano portato avanti una stessa formula per 15 album, senza mai rischiare nulla... A mio avviso quella non è più arte perché non è ricerca, sperimentazione, voglia di esplorare i propri limiti, ma è solo uno scaltro metodo per rimpinguare il portafogli). Da questo punto di vista, seppur sia ovvio il fatto che ognuno subisce le influenze dei suoi artisti preferiti, il nostro messaggio strettamente a livello musicale, è quello di cercare di esprimere le nostre emozioni attraverso la musica che ci piace e che ci viene spontaneo scrivere, senza seguire pedissequamente una moda ben precisa o lo stile di una band in particolare; purtroppo, se devo essere onesto, ho notato come invece in ambito goth, il pubblico spesso sia un po' pigro e si accontenti e si adagi e si senta rassicurato solo da un sound “già sentito”, senza provare ad ampliare i propri orizzonti al di là del microgenere musicale di cui è amante. Onestamente non sopporto quelle frasi del tipo “I Cure sono finiti con Pornography”... Come si può pensare che un vero artista ripeta per sempre le stesse cose? Come dicevo prima, a mio avviso, chi lo fa, è perché è artisticamente morto dentro. Poi il risultato può piacere o no, ma  bisogna abbassare sempre il cappello di fronte a chi sperimenta nuovi ambiti e cerca sempre nuove strade, possibilmente lontane da quelle già battute da migliaia di altri prima (vedi l'ormai noioso attuale revival “Joy Division style”...) anche a costo di “arrampicarsi sugli specchi di improbabili originalità”, perché certo non sempre la sperimentazione paga, ma rinunciare a priori fa perdere senso all’arte stessa.

Il vostro lavoro ha una lettura critica nei confronti del concetto di religione. Un argomento estremamente delicato. Al cospetto delle religioni, vi ponete come coloro che le giudicano "fedi" e quindi valori spirituali oppure state con chi le ritiene "credenze" e quindi poco più che leggende?

Innanzitutto tendo a precisare che la lettura critica nei confronti della religione è relegata al solo brano “In Heaven”, il nostro nuovo singolo. Infatti “Purity”, il nostro album, non è un concept album e di conseguenza trae ispirazione da diverse tematiche: alcune più personali, altre a carattere sociale. Rispondendo comunque alla tua domanda, io penso che la fede sia un'esigenza personale, un modo per ancorarsi a qualcosa che dia speranza e felicità, ma rimane un qualcosa di personale e fine a se stessa come potrebbe essere la passione per lo sport o per la musica o altro. Un qualcosa per cui si vive e che ci mantiene a galla nei momenti difficili, ma se si pensa di affidare il proprio destino a un'entità fantasiosa e leggendaria (qualunque essa sia, non mi sto riferendo ad una religione in particolare), penso si stia facendo un grosso errore di valutazione e si stia sprecando tempo in superstizioni e credenze inutili e alibi che possano giustificare il proprio fallimento e la mancanza di volontà nel tirarsi fuori da determinate situazioni di vita complicate. Il discorso è molto complesso e ognuno ha il diritto di pensarla come vuole; ciò che mi mette tristezza è osservare ancora al giorno d'oggi manifestazioni dal carattere quasi medioevale, dettate da miti secolari difficili da sradicare. In definitiva credo nel potere della psicanalisi, non nel verbo di preti e messaggeri vari che nella maggior parte dei casi si disilludono e perdono la fede una volta entrati nell'età della ragione.

Se è vero che l'arte scaturisce spesso dalla spiritualità, voi avete rinunciato alla dimensione artistica o vivete una vostra dimensione spirituale che prescinde da riti e liturgie?

Se per spiritualità si intende un momento di introspezione, allora sì, l'arte stessa diventa una catarsi, un'esplosione di sensazioni ed emozioni forti trasferite nel modo e nella forma ad ogni artista più congeniale. Se per spiritualità si intende invece qualcosa di legato ancora una volta alla religione, allora non vedo il nesso tra le due cose; nei secoli scorsi la musica aveva quasi essenzialmente un legame con le funzioni liturgiche, ma proprio il fatto che venisse commissionata da parte di un sovrano la slegava da ogni forma d'arte, in quanto nata più per “forzatura” che per libera ispirazione (ciò non toglie naturalmente che la sensibilità di fenomenali musicisti ha saputo comunque partorire eccelse opere d'arte anche sotto “forzatura”, ma il nocciolo del discorso sta appunto nella sensibilità dell'artista, non nella divinità come forma di ispirazione). Da questo punto di vista, le parole di Luigi Tenco “scrivo canzoni quando sono triste, perché se sono allegro mi va di uscire e andarmi a divertire”, spiegano perfettamente il concetto: fare arte è un'esigenza interiore e quasi sempre la fonte maggiore d'ispirazione scaturisce dalla vita vissuta e in particolare dai momenti tristi e dolorosi.

Visite

Tot. visite contenuti : 722203

Chi è online

 130 visitatori online

Il Commento

ECCO I MOTIVI DELLE RECENSIONI SENZA FRETTA

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDF | Stampa | E-mail

Qualcuno in questi giorni mi ha chiesto per quale ragione le recensioni degli album su “Un'altra Music@” compaiano sistematicamente a distanza di qualche settimana, se non di qualche mese, dalla loro pubblicazione. Si tratta di una scelta o di un'esigenza dettata dalle ridotte dimensioni della nostra redazione e degli spazi sul magazine? Fermo restando che in redazione siamo in pochissimi e ci siamo imposti di ascoltare sempre tutto ciò che finisce sulle nostre scrivanie (contrariamente a quanto fanno altri che si limitano a fare il copia/incolla di quanto inviano le agenzie di stampa), il che richiede tempo, molto tempo, è anche una scelta dettata da una riflessione più ampia. Da quando le nuove tecnologie hanno di fatto ridotto ai minimi termini il mercato discografico, abbiamo assistito al trionfo dell'usa e getta che tutto divora e tutto azzera. Cosicchè, di un cd uscito oggi, sulle riviste specializzate, si parla nei prossimi cinque giorni, dopodichè cala il silenzio. Tutti ne scrivono insieme e tutti lo fanno subito. In virtù di quella esigenza di “stare sul pezzo” che, se è irrinunciabile qualora ci si occupi di cronaca, non lo è affatto quando ci si occupa di arte in genere (dalla musica al settore editoriale, dall'arte visiva alle programmazioni teatrali). In tal modo, un prodotto che ha richiesto mesi quando non anni di lavoro, “sfiorisce” in pochi giorni soppiantato da altre produzioni, destinate a fare la medesima fine. “Un'altra Music@”, ponendosi in alternativa rispetto alle dilaganti tempistiche dei lanci e della promozione discografica, non intende farsi risucchiare da questo vortice, che sta alla base del mancato consolidamento di tante produzioni discografiche, ma anche della mancata affermazione di artisti ai quali non viene più concesso il tempo di “crescere” e di entrare in sintonia con il pubblico. Il pubblicare una recensione settimane o mesi dopo l'uscita di un album, significa continuare a fare vivere quel prodotto, significa sottoporlo nuovamente all'attenzione di chi legge e di chi ascolta, recuperando le distrazioni di coloro che, fuorviati dalla frenesia delle uscite in tempo reale, si sono forse persi la possibilità di cogliere il senso di una canzone o il percorso artistico di un album. Una rivista che si occupa di musica non ha e non deve avere i tempi della cronaca. Né ha esigenze di primogenitura. Non importa se prima di noi a scrivere di quel cd sono state altre riviste. Importa la professionalità con la quale noi ci accostiamo a quel lavoro, l'attenzione che gli dedichiamo, il rispetto che portiamo a chi ci ha richiesto un parere. Oltre alla già espressa convinzione che non vi sia lavoro musicale o comunque artistico che possa esaurirsi in cinque giorni. Ed a costo di sembrare “passatista” a tale proposito mi piace ricordare che nel tempo dei vinili le canzoni di maggior successo del Festival di Sanremo occupavano le classifiche discografiche sino a maggio, per poi lasciare il posto ai brani di “Un disco per l'estate” che si contendevano i piazzamenti sino a ottobre. Altri tempi, certo. Tempi in cui la musica si ascoltava davvero ed il lavoro di un artista era un progetto al quale veniva concesso il tempo per esplicarsi e svilupparsi. Se ciò non accadeva i fattori avversi erano altri, non certo l'ansia di divorare tutto e subito.

G. Pe.

 

Login



Con la registrazione ci si iscrive automaticamente alla news letter di "un'altra Music@"