musicamag.com
Banner
Banner
Banner

Editoriale

BORSE DI STUDIO O BOOMERANG?

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDF | Stampa | E-mail

Ci sono concorsi riservati ad artisti emergenti, non importa quali, importa sapere che sono più d'uno, che come premio riservato al vincitore ci mettono borse di studio, talvolta anche di consistenza interessante, rendendo appetibile la partecipazione. Tralasciando quei concorsi che richiedono tasse di iscrizione più o meno importanti e che, solo per questo, dovrebbero essere evitati (non è onesto far pagare i sogni), ne rimangono altri i cui meccanismi sono spesso altrettanto discutibili.  Sto parlando di quei concorsi, dotati appunto di borse di studio, destinate alla partecipazione a corsi musicali presso centri, scuole, associazioni quasi sempre gestiti dallo stesso soggetto che è animatore o comunque figura di prino piano nell'organizzazione delle rassegne. Ciò che significa? Che i soldi delle borse di studio che escono dalla porta principale nel momento della gioiosa premiazione, sono quasi sempre destinati a rientrare dalla finestra, in momenti assai meno vistosi ed eclatanti. Come? Semplice. Se chi organizza la rassegna musicale o ne è figura di riferimento è per caso anche musicista-docente, o responsabile di scuole musicali, o figura di riferimento di centri che si occupano di musica, alla fine sarà anche colui che “recupererà” in parte o del tutto la somma stanziata per la borsa di studio destinata al vincitore e vincolata alla partecipazione a corsi di formazione musicale. Corsi gestiti da chi? Guarda caso proprio da chi organizza il festival o ne è figura di riferimento. Insomma, se ricevo mille euro che devo necessariamente utilizzare per partecipare a un corso di formazione e quel corso è in qualche modo gestito da una figura di riferimento del festival, io quei mille euro, nel volgere di pochi mesi, li restituirò a chi me li ha dati. Con qualche possibile variante: se colui al quale li restituirò è l'organizzatore della rassegna, non farà altro che recuperare la cifra stanziata (spesso messa a disposizione da pubbliche amministrazioni attraverso l'intricato sistema dei contributi destinati alla cultura e allo spettacolo); se si tratta invece di figura di riferimento, è probabile che quella somma venga ridistribuita in parti più o meno eguali tra chi organizza e chi fa da testimonial del concorso. Certo, i corsi promessi devono in qualche modo avere svolgimento e comportano qualche spesa. Però, immaginate con quale stato d'animo un artista, dico a caso, di Messina, può venire a trovarsi quando riceve una borsa di studio che lo vincola a prendere parte a corsi che si svolgono, faccio per dire, a Milano? E' il meccanismo in sé che non convince. E' soprattutto il fatto che dietro a certi “specchietti per le allodole” si muovono spesso dei professionisti che vivono di concorsi e rassegne, speculando sui sogni di tanti ragazzi o che mettono il marchio di una notorietà acquisita nel tempo (dietro congruo compenso) facendosi garanti di premi che alla fine gratificano solo loro stessi.

Giorgio Pezzana

 

In periferia di Milano potrebbe essere nata una band che lascerà il segno. Questi ragazzi, alla loro prima uscita discografica, con l’omonimo disco Madddog, dimostrano di avere denti affilati. Sono nati nel 2008 e negli ultimi mesi dello scorso anno hanno sfornato un album che sprigiona energia allo stato puro.

 

La musica dei Madddog è una fusione di generi talmente convincente da poter diventare quasi un modello di riferimento. C’è reggae,  punk, hard-core, hard-rock e ska, ma la loro musica va oltre il genere. Le loro melodie, originali, personali e coinvolgenti si trasmettono all’ascoltatore in modo immediato: senza nemmeno accorgersene e senza nemmeno conoscere le canzoni ci si trova a cantare con loro, a strillare UH! UH! UH! (da Burning Babylon), a battere il piede, quando non a ballare, su ritmiche che ti assalgono. Il loro non sembra nemmeno un album d’esordio. Sembra l’album furbo di una band californiana multiplatino. Persino la grafica della copertina trasmette carattere. Carattere, appunto. Questa è l’impressione che si ha ascoltando via via le loro canzoni. Il suono è importante, con una batteria e un basso monumentali, chitarre che intrecciano sapientemente riff hard rock e pennate reggae, per creare una base ritmica incalzante sulla quale il cantato si aggancia con una metrica perfetta e melodie che si imprimono nel cervello di chi li ascolta e non lo mollano più. L’apertura del disco è affidata ironicamente a Near the end, che senza timidezze mette immediatamente le cose in chiaro: due accordi per un riff durissimo e subito inizia la strofa reggae, poi bridge hard rock per creare la giusta tensione che al 50esimo secondo si distende in un ritornello liberatorio. È una sintesi perfetta dello stile che si riconosce in ognuna delle tredici tracce del disco. Funk e groove coinvolgente per Covered by fearI go crazyNRG, punk e ritmiche sincopate in EverybodyFeel likeAway; infine la chiusura è affidata aDog in the shadow, che allenta leggermente la presa di un disco che si ascolta tutto d’un fiato .Se chiudeste ipoteticamente Bob Marley, Lenny Kravitz, Red Hot Chili Peppers , i migliori No Doubt, Offspring, Green Day, in una stanza a comporre musica insieme, forse, oltre a una nube di fumo dalla dubbia provenienza, uscirebbe qualcosa che in qualche modo si avvicina alla musica dei Madddog.

 

 

Visite

Tot. visite contenuti : 250139

Chi è online

 26 visitatori online

Login



Con la registrazione ci si iscrive automaticamente alla news letter di "un'altra Music@"